Elon Musk e SpaceX come l'Apollo 11: il 27 maggio il lancio spaziale con Tesla protagonista

Elon Musk e SpaceX come l'Apollo 11: il 27 maggio il lancio spaziale con Tesla protagonista

Alle 22:33 italiane partirà da Cape Canaveral la capsula Crew Dragon del padron di Tesla diretto verso la stazione spaziale internazionale. Per la prima volta il lancio di astronauti della Nasa viene affidato a un'azienda privata

di Lorenzo Lucidi

27 maggio 2020

Era il 2011 quando, per l’ultima volta, degli astronauti partivano dal suolo statunitense per raggiungere lo spazio. Poi la dismissione degli Space Shuttle ha fatto sì che nessun essere umano lasciasse più il pianeta passando per gli USA. Fino a oggi. Alle 22:33 italiane di oggi 27 maggio è infatti prevista una storica partenza dalla base di Cape Canaveral, dalla stessa rampa che vide sfrecciare in orbita l'Apollo 11. Il primo lancio di astronauti nello spazio dal suolo americano dal 2011, ma anche e soprattutto il primo a essere gestito da una compagnia privata: la SpaceX di Elon Musk.

Finora era capitato molte volte che la Nasa facesse affidamento a navicelle e razzi costruiti da terzi per mandare materiale nello spazio. Ma oggi la novità assoluta è che l’intera operazione verrà gestita dalla compagnia di Musk, con l’agenzia americana che si limiterà a collaborare come partner. Il valore simbolico di questa inedita formula è altissimo, e lascerà un segno nella storia spaziale americana, e non solo. L’evento, promosso con l’hashtag #LaunchAmerica, verrà trasmesso a partire dalle 21:30 in diretta tv sul canale Focus.

Tesla e NASA: con Space X per combattere gli asteroidi

Tra SpaceX e Tesla

La missione è affidata al razzo Falcon 9, che avrà il compito di portare fuori dall’atmosfera la navicella Dragon-2. Quest’ultima è riservata a ospitare i due astronauti americani prescelti per l’operazione, Doug Hurley e Bob Behnken. La destinazione ultima è la ISS, la stazione spaziale internazionale che orbita intorno alla Terra. Una meta ben nota agli ingegneri della SpaceX, che per anni hanno fornito navette cargo addette al rifornimenti e al trasporto di materiale.

Tesla Model X P90D

Tesla Model X P90D

Il crossover a propulsione elettrica a 5 porte, è stata prodotta dalla Tesla Motors dal 2015. Un prototipo è stato esposto per la prima volta nei Tesla design studios di Los Angeles, il 9 febbraio 2012 mentre le prime vetture sono state consegnate il 29 settembre 2015, in occasione dell'evento di lancio sul mercato della Model X

Guarda la gallery

Sia il vettore Falcon 9 che la navetta Dragon-2 sono progettati e costruiti da Space X, l’azienda aerospaziale di Elon Musk. Ma questi due mezzi non saranno le uniche creature dell’eccentrico miliardario ad accompagnare Hurley e Behnken. I due astronauti saranno infatti trasportati alla rampa di lancio di Cape Canaveral a bordo di una Tesla Model X. Saranno solo pochi chilometri ma dal grande valore simbolico. L’auto elettrica è stata personalizzata con i loghi della Nasa.

Goodyear e Space X: nello Spazio per migliorare gli pneumatici

Concorrenza spaziale

L’affidamento a un’azienda privata per missioni umane segna anche l’apertura a una feroce concorrenza tra società che operano nello stesso settore. SpaceX, per ricevere questo compito, ha dovuto infatti battere l’agguerrita competizione con un colosso come Boeing. E presto anche altre aziende spaziali, come la Blue Origin di Jeff Bezos e la Virgin Galactic di Richard Branson, si getteranno nella mischia.

Tesla Cybertruck VIDEO

Tesla Cybertruck VIDEO

Il pick-up di Elon Musk arriverà sul mercato a fine 2021 con speciali sospensioni pneumatiche

Guarda il video

Dal punto di vista della Nasa è comunque conveniente fare affidamento su aziende private. Una volta stabiliti i giusti livelli di sicurezza (le precedenti esperienze di SpaceX hanno incontrato anche alcuni incidenti di percorso, fortunatamente senza vittime) l’agenzia americana vedrà calare drasticamente le spese per le missioni fuori dall’orbita. Grazie ai vettori “riutilizzabili” di Musk, ma non solo. Basti dire che il programma di esternalizzazioni Commercial Crew costerà tra i 20 e i 30 miliardi di dollari in meno del programma Constellation (poi abbandonato) voluto da Obama. L’affidamento a compagnie americane, inoltre, permetterà alla Nasa di fare a meno delle navette russe Soyuz.

Tesla Roadster può aspettare il 2022, Musk punta alla sostanza

Nuove frontiere

È rimasto impresso nella memoria di tutti il lancio, nel 2018, di un vettore Falcon Heavy che portò una Tesla Roadster nello spazio in direzione di Marte. La spider, che tuttora sta orbitando tra il Sole e il pianeta rosso, non era che un assaggio delle ambizioni di Elon Musk fuori dalla Terra. Sono infatti moltissimi i progetti dell’eccentrico miliardario con SpaceX. A partire dal turismo spaziale fino ai viaggi con esseri umani verso la Luna e Marte.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi