In un momento in cui il mondo dell’automotive si sta proiettando verso il futuro, proponendo ogni giorno nuovissime soluzioni a zero impatto ambientale come nel caso di BMW o Tesla – con Elon Musk sempre pronto a lanciare nuove iniziative futuristiche –, c’è anche chi decide di rallentare la sua ascesa verso l’elettrico.

Nel caso specifico si parla di Cadillac, che secondo Automotive News – notizia poi ripresa anche da Fox Business – offrirà ben 500 mila dollari di bonus (all’incirca 420 mila euro) a tutte quelle concessionarie che eviteranno l’ascesa delle auto a propulsione elettrica.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

Un bonus per rinunciare al franchise

Come detto, il Marchio di auto di lusso appartenente alla General Motors è pronto ad offrire alle concessionarie presenti in America un importo di circa 500 mila dollari per rinunciare al franchise, qualora le stesse non siano disposte ad aggiornare i loro showroom completando il parco macchine con le nuove uscite total electric della Casa di Detroit. Un aggiornamento, che per i dealer richiederà un esborso di circa 200 mila dollari (circa 170 mila euro) tra aggiornamenti del servizio e vari investimenti per accogliere i nuovi modelli Cadillac.

Al momento, Mahmoud Samara - vicepresidente della Cadillac North America - ha confermato la domanda di acquisto, ma non l'importo offerto, che le fonti indicano tra i 300 e i 500 mila dollari. “Abbiamo discusso con tutti i concessionari su quale fosse il nostro futuro nell’elettrico e di come siamo intenzionati ad arrivarci - ha affermato Samara - è stata una discussione molto aperta e trasparente, che ha consentito a tutti i di comprendere le varie situazioni future”.

30 novembre la scadenza

L’offerta d’acquisto dei vari dealer sarà valida fino al prossimo 30 novembre e, calcolando che Cadillac ha all’incirca 880 concessionarie in tutto il paese a stelle e strisce, e che solo la metà di loro vende meno di 50 veicoli l’anno, molto probabilmente ci sarà un forte richiesta.

Rivian in Europa nel 2022 e produrrà elettriche anche più compatte