Quello che fino a oggi era stato un interrogativo, trova una risposta ufficiale a margine della presentazione della Toyota GR010 Hybrid. La Hypercar che andrà in pista il prossimo marzo, debuttando a Sebring, avrà una versione omologata per l’impiego su strada.

Il progetto è ancora in fase di sviluppo e sarà strettamente legato alla Toyota GR Super Sport vista lo scorso settembre alla 24 Ore di Le Mans.

GR010 Hybrid e GR Super Sport, uguali e diverse

Naturalmente saranno diverse le soluzioni aerodinamiche, dall’ala posteriore alla pinna sul cofano, per indicare due particolari immediatamente visibili. Resta da capire se la configurazione “targa” con la quale il muletto è stato impiegato per un’esibizione a Le Mans verrà confermata o, piuttosto, sarà una Toyota GR Super Sport esclusivamente chiusa.

In comune, hypercar da corsa e da strada, avranno l’architettura del motore termico, un V6 twin turbo da 3.5 litri di cilindrata. Paradossalmente c’è la concreta possibilità che il progetto stradale vada a sviluppare molta più potenza del prototipo da corsa, in virtù dei limiti regolamentari che impongono una potenza massima di 680 cavalli dall’azione del motore termico – da 680 cv – e del motore elettrico anteriore (da 272 cv).

Alcuni rumours dei mesi scorsi indicavano anche la possibilità che GR Super Sport avesse un motore elettrico anche sull’asse posteriore, a supporto del motore termico. Uno scenario da verificare, considerate le parole dei tecnici Toyota, a indicare nello sviluppo della GR010 Hybrid con motore elettrico (e brake-by-wire) solo anteriore una delle sfide maggiori rispetto al passato TS050 Hybrid con due MGU. 

Sfoglia il listino Toyota: tutti i modelli sul mercato

Quanti esemplari di GR Super Sport?

Per l’omologazione della hypercar, i regolamenti FIA impongono una produzione minima di esemplari, fissata in 20 unità. Non è stato ancora ufficializzato quando verrà presentata la GR Super Sport stradale, quali specifiche tecniche avrà e quanti esemplari se ne produrranno. La settimana della 24 Ore di Le Mans 2021 del 12 giugno prossimo potrebbe essere un appuntamento ideale per sottolineare la parentela tecnica dei due progetti.