Più tempo per rinnovare la patente: secondo quanto stabilito dal Decreto Cura Italia, la validità dei documenti in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 30 aprile 2021 è stata spostata al 29 luglio 2021, ossia tre mesi dopo la fine dello stato di emergenza dichiarato dal Governo.

PATENTE, CIRCOLARE DEL MIT

La data cambia al prolungarsi della situazione pandemica, con l’ufficialità della proroga arrivata giovedì 21 gennaio con una circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Proprio il Decreto Cura Italia si pronuncia in questa direzione: “Tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e la data della dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19 conservano la loro validità per i 90 giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato d’emergenza”.

INFORMAZIONI IMPORTANTI

Va sottolineato che la proroga non contempla il valore della patente come documento di riconoscimento, dunque il termine ultimo per questo utilizzo resta il 30 aprile 2021. Inoltre, per guidare negli altri paesi dell’Unione Europea si risponde al regolamento europeo 2020/698 che consente di circolare all’estero fino a sette mesi dopo la scadenza della patente, se questa è compresa tra il 1° febbraio e il 31 agosto 2020. Le disposizioni non valgono ovunque: Spagna, Lussemburgo, Slovenia, Irlanda, Estonia, Lettonia e Lituania non hanno aderito al regolamento sulle patenti.   

FOGLIO ROSA ED ESAMI

La proroga interessa le patenti allo stesso modo del foglio rosa e dei termini per gli esami di abilitazione alla guida. I fogli rosa godono dei 90 giorni di proroga come le patenti, mentre i sei mesi di tempo per sostenere l’esame di teoria dopo la presentazione della domanda diventano il doppio: 12 mesi di tempo per tutte le domande presentate nel 2020.

I certificati medici allegati alle domande di conseguimento della patente, che solitamente hanno scadenza trimestrale o semestrale, restano validi fino a 90 giorni dopo la fine dello stato d’emergenza. Lo stesso discorso vale per i permessi provvisori di guida rilasciati ai patentati che devono sottoporsi ad accertamento sanitario presso le commissioni mediche locali. Il nuovo termine, anche per loro, è il 29 luglio 2021.   

DPCM spostamenti seconde case: quando si può uscire da comune e regione