Lamborghini Miura SVJ, all'asta una bellezza degli anni '70

Lamborghini Miura SVJ, all'asta una bellezza degli anni '70

Versione da pista della Super Veloce, venne realizzata in tre esemplari grazie alla volontà del collaudatore Bob Wallace. Oggi Kidston mette in vendita uno di quei modelli

di Redazione

19 luglio 2021

Oggi, se alla parola Lamborghini associamo la sigla SVJ, il primo modello che ci viene in mente è l'Aventador SVJ, versione ancora più performante della Aventador S lanciata nel 2018. Le origini della sigla Super Veloce Jota risalgono però a molti anni prima e a un modello storico come la Miura. Di Lamborghini Miura SVJ infatti ne vennero costruiti solo tre esemplari, e uno di essi oggi è in vendita per un'asta che si preannuncia milionaria.

Lamborghini Miura SVJ, sexy supercar in rosso all'asta

Lamborghini Miura SVJ, sexy supercar in rosso all'asta

Kidston mette in vendita la versione da pista della Super Veloce, Jota, realizzata nel 1970 in tre soli esemplari grazie alla volontà di Bob Wallace, storico collaudatore del marchio di Sant'Agata

Guarda la gallery

LE ORIGINI DEL MODELLO

La Miura, probabilmente il modello più famoso della storia Lamborghini e tra le supercar più belle di sempre, è stata realizzata in 763 esemplari dal 1966 al 1973, quando verrà sostituita dall'intramontabile Countach. Nel corso dei suoi 7 anni di produzione ha conosciuto diverse versioni, dalla prima, la P400, alla SVJ Roadster. In mezzo, la SVJ. Tre auto costruite nel 1970 per volere di Bob Wallace, storico collaudatore del marchio di Sant'Agata. Venne infatti realizzata una versione ancora più estrema della Miura Super Veloce, la Super Veloce Jota. Un modello fondamentalmente da pista, poi scartato dalla produzione di massa poiché Ferruccio Lamborghini non considerava all'epoca priorità lo sviluppo di modelli da corsa.

Lamborghini, i 5 (+1) modelli che hanno fatto la storia del Toro

TRE ANNI DI RESTAURO, POCHI KM PERCORSI

Kidston ha recentemente messo all'asta uno di quei tre esemplari. Si chiama "The Corsican Car", ma solo per via dell'origine del suo proprietario, l'imprenditore corso Paul Ferrandi. Kidston ha ottenuto la vettura nel 2010, dando il via a tre anni di restauro. Il motore è rimasto il V12 originario della Casa bolognese, con i lavori meccanici affidati all'ingegner ex Lamborghini Luca Savioli, mentre Pietro Cremonini si è occupato della riverniciatura originale, un acceso e suadente Rosso Granada.

I potenziali clienti interessati si faranno ingolosire anche dal fatto che la Miura SVJ in vendita ha percorso solamente 19.582 km. Ma sono anche consapevoli che dovranno sborsare una cifra milionaria. Per motivi di privacy, Kidston non ha rivelato la cifra di partenza, ma è ovvio una Miura SVJ del 1970 può essere appannaggio solo di pochi facoltosi clienti.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi