Car of the YearOrganizzatore italiano del premio
The Car of the Year

Volkswagen Taigo, il B-Suv vestito da coupé

Volkswagen Taigo, il B-Suv vestito da coupé

Volkswagen presenta una nuova declinazione per la piattafomra MQB A0, che prende le sembianze di un B-SUV, ma dalla carrozzeria coupé. Al momento del lancio, solo motori a benzina e niente elettrificazione 

di Michele Salvatore

29 luglio

Si allarga la famiglia Volkswagen nel segmento B. La nuova arrivata si chiama Taigo, vettura già venduta in Brasile dove è conosciuta come Nivus, modificata con materiali e specifiche più adatte al debutto in Europa. Sarà prodotta in Spagna, a Pamplona, e verrà lanciata sul mercato a partire dal primo trimestre del 2022. Il prezzo di lancio, annunciato per il mercato tedesco, è inferiore a 20.000 euro, quindi in linea con la “cugina” T-Cross.

Volkswagen Taigo R-Line

Volkswagen Taigo R-Line

La Volkswagen Taigo, nuova suv coupè di Wolfsburg, ha anche una versione sportiva, la R-Line, caratterizzata da assetto da 18" e dettagli specifici che la rendono più cattiva

Guarda la gallery

Taigo, l’alternativa sportiva

La Volkswagen Taigo, infatti, è parente stretta di Polo e T-Cross perché realizzata sulla medesima architettura, il pianale MQB A0, ma declina le affinità tecniche in modo diverso per presentarsi come alternativa sportiveggiante rispetto al B-Suv già in gamma. Apre, insomma, una nuova nicchia di mercato, quella dei B-Suv Coupè.

Sono stile e proporzioni a dichiarare subito l’intento. La vettura è lunga 4,26 metri, alta 1,49 e larga 1,75, quindi può bassa e più lunga della T-Cross e caratterizzata dalla coda spiovente - resa più aerodinamica dallo spoiler che prolunga la linea del tettuccio - tipica da coupé. Quest’ultimo dettaglio, però, non pregiudica l’abitabilità: il passo è di 2,57 metri (la T-Cross fa 2,55) e il bagagliaio va da 358 a 455 litri di capacità.

Il design del frontale ha elementi che lo differenziano rispetto alle altre Volkswagen europee. Come la firma luminosa, composta da una barra trasversale illuminata che separa in due livelli la maschera e ha il compito di unire, con un tratto quasi unico, il segmento inferiore delle luci diurne, full LED di serire, LED Matrix IQ.Ligth nella versione Style. Stesso concetto al posteriore, ottenuto da una banda luminosa sul portellone che unisce ed espande in larghezza l’effetto luminoso dei fari.

La line laterale, infine, è caratterizzata - oltre che dal già citato tetto spiovente - dai cerchi da 16” o 18”.

Le versioni per l’Italia

Sono due le versioni, al momento del lancio, dedicate al mercato italiano, la Life (entry level “ricca”) e la R-Line. Di serie sono previsti il digital cockpit, volante multifunzione, retrovisori elettrici e sistema di infotainment basato sulla terza generazione di MIB3. Al top della gamma, la R-Line offre di diverso dettagli estetici specifici come il paraurti anteriore e quello posteriore, che ingloba gli scarichi nel diffusore, il digital cockpit con schermo più grande da 10,25” e il differenziale elettronico a bloccaggio trasversale XDS.

I motori disponibili

La Volkswagen Taigo è disponibile con motori solo a benzina e, al momento del lancio, non elettrificati. Sotto al cofano viene proposta l’unità 1.0 TSI da 95 cv o 110 cv, abbinata al cambio manuale a 5 marce nella versione meno potente, oppure al manuale a 6 o al DSG a 7 rapporti per lo step di potenza più elevato.

Al vertice della gamma, il 1.5 TSI da 150 cv con DSG a 7 rapporti. La trazione è solo anteriore.

Volkswagen Taigo, il SUV coupè compatto

Volkswagen Taigo, il SUV coupè compatto

Volkswagen porta sul mercato europeo la Taigo, SUV coupè compatto, che condivide lo stesso pianale di Polo e T-Cross. La vettura, in realtà, è la versione adattata ai gusti degli automobilisti europei della Nivus venduta in sud america

Guarda la gallery

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi