Car of the YearOrganizzatore italiano del premio
The Car of the Year

Codice della Strada: cosa c’è da sapere tra bocciature e novità

Codice della Strada: cosa c’è da sapere tra bocciature e novità

Dal no al divieto di fumo alla guida fino a quello per l’aumento a 150 km/h in autostrada: ecco come cambiano le regole per chi è al volante

di Redazione

2 novembre

Le modifiche al Codice della Strada sono state l’argomento all’ordine del giorno in queste ultime settimane, con notizie che si rincorrevano, smentite e poi, finalmente, le decisioni ufficiali. Della stretta-non stretta sui monopattini abbiamo già detto in un precedente articolo, adesso passiamo alle quattro ruote. Le proposte più importanti, che avevano già fatto il giro del web e dei giornali, parlavano del divieto di fumo alla guida, di sanzioni severissime per l’utilizzo del cellulare e di un possibile innalzamento del limite di velocità in autostrada. Niente di tutto questo. Gli emendamenti al Decreto Infrastrutture che contenevano queste proposte sono stati bocciati dalle commissioni Ambiente e Trasporti, poi è arrivato l’ok della Camera. Adesso la palla passa al Senato che ha pochissimi giorni di tempo prima della conversione in legge che deve avvenire entro il 10 novembre (e quindi si suppone non ci sarà alcuna modifica).

Le modifiche bocciate

Facciamo un riassuntone, dunque, di quello che non è passato. Partiamo dal divieto di fumo in auto che si è beccato un netto no. La proposta era stata avanzata per cercare di diminuire quanto più possibile le distrazioni, o possibili pericoli, alla guida. Il divieto c’è, tuttavia, in presenza di minorenni e di donne in gravidanza. No secco anche per le pene più severe per chi utilizza il cellulare quando è al volante. La proposta, oltre a estendere la situazione a pc e tablet, voleva l’aumento della sanzione e in caso di recidiva la sospensione della patente. Invece non ci sarà alcuna modifica e le multe restano immutate: da 165 a 661 euro.

A queste si aggiunge un’altra bocciatura, quella della proposta che voleva alzare il limite di velocità in autostrada da 130 a 150 km/h, in presenza di alcune condizioni specifiche: la presenza di tre corsie di marcia (più quella d’emergenza), asfalto drenante sulla strada e sistema Tutor per rilevare la velocità media.

Quali sono le novità?

Dopo tutto questo gran parlare, qualche novità ci dovrà pur essere. I Comuni possono decidere di riservare a titolo gratuito, con norme permanenti o temporanee, alcuni parcheggi alle donne in gravidanza (i cosiddetti stalli rosa), alle auto elettriche, al carico-scarico merci e agli scuolabus. Sempre a proposito del divieto di sosta, si inaspriscono le multe per chi lascia la vettura nelle aree di sosta destinate ai disabili.

Inoltre, i veicoli con portata superiore alle 3,5 tonnellate potranno effettuare la revisione anche nelle officine private. Aumenta la lunghezza totale di autoarticolati, autosnodati e filosnodati, che passa da 16,5 a 18 metri.

Codice della Strada, la stretta sui monopattini non c'è stata: quali sono le regole che mancano?

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi