La città è il suo habitat e adesso pure la motorizzazione sposa al meglio l'ideale di trasporto urbano. La nuova Renault Twingo Electric è la summa puntuale di tutte quelle specifiche che indicizzano un'auto elettrica destinata essenzialmente all'ambito cittadino.

Dentro e fuori sostanzialmente non cambia conservando quelle tipicità che la rendono tra le più agili e brillanti alla prova del traffico. Con una lunghezza di appena 3,62 metri e una larghezza nell'ordine dei 1,65 metri, è palese che sappia muoversi agevolmente in ogni condizione. Mentre la mancanza di motore nella zona anteriore, traslati al posteriore (esattamente come le versioni endotermiche) le ha concesso un diametro di sterzata di 8,6 metri. Ovvero come fare inversione di marcia in un fazzoletto d'asfalto. Perché alla fine è questo ciò che conta veramente se la tua destinazione d'uso è essenzialmente la città.

 

Renault Twingo Electric, prezzo da 22.450 euro. Più economica di Zoe

Tutto o quasi come prima

Ciò detto le variabili promosse dalla Twingo Electric non amplificano il divario rispetto alla gemella equipaggiata con motore tradizionale. Oltre a badge e scritte identificative, la componente grafica rimane pressoché la stessa. Ci vuole un occhio particolarmente allenato per scovare le differenze con “l'altra”. Il centro delle ruote è sottolineato da un bordo blu, integrato nei copridadi. Dettaglio che caratterizza ciascuna delle opzioni possibili di cerchi proposti nella gamma Twingo Electric. Tale colore è stato pure selezionato per lo stripping laterale, di serie sulla versione Intens, che percorre tutta la lunghezza del veicolo. Ovviamente il cliente può decidere di sostituirlo con una diversa personalizzazione. Il blu è poi il colore “firmatario” dei motivi orizzontali della calandra. E pure in questo caso se ne parla dal livello di allestimento Intens.

In rampa di lancio c'è poi un'edizione speciale di Twingo Eletric, denominata Vibes Limited Edition. A fare la differenza è soprattutto la colorazione della carrozzeria, chiamata Orange Valencia. Cerchi, inserti, calandra e stripes specifiche per questa versione completano l'unicità della Vibes Limited Edition. Che anche a bordo si differenzia per la scelta dedicata di materiali.

Top 10: le auto più economiche del momento

La gioca sui colori

Ciò che invece non muta è ovviamente la scenografia. Non solo rispetto alla Twingo Electric “normale”, ma neppure rispetto a quella alimentata a benzina. Il marchio di fabbrica è lo stesso, sono le informazioni che il quadro strumenti mette a disposizione di guidatore e passeggeri ad essere differenti. Qui è il livello di carica della batteria il dato più importante da tenere in considerazione.

Come in precedenza il grado di personalizzazione si gioca soprattutto sui colori. Infatti sono a disposizione degli acquirenti diverse tinte del profilo della plancia, degli aeratori e degli inserti del volante, così come quello della trama della selleria. La consolle centrale conferma nuovamente i capienti vani portaoggetti nonché un display touchscreen centrale da 7” di serie su tutta la gamma.

 

Base solida

Punto centrale di questa evoluzione elettrica di Renault Twingo è ovviamente il motore. Il propulsore sviluppa 82 cavalli e una coppia di 160 Nm, naturalmente disponibili sin da subito. Trasmette la trazione alle ruote posteriori tramite un riduttore ed è connesso ad un pacco batterie da 22 kWh. La disposizione del gruppo motopropulsore riprende, sebbene con specifiche differenti, quella presentata dalle versioni equipaggiate con motore a combustione. Il progetto, condiviso con Daimler, prevedeva sin dalla nascita la variante elettrica. Il codice del motore è R80 e deriva da quello di ZOE. Viene realizzato a Cléon, in Normandia, sulle linee che già producono gli altri motori elettrici di Renault.

Quanto ai tempi di ricarica, sono necessarie 15 ore da una normale presa domestica. Ma possono scendere a 8 se vi dotate di wallbox da 3,7 kW. E calare addirittura a 4 se optate per quella da 7,4 kW. I tempi riferiti alle colonnine dipendono ovviamente dall'infrastruttura di ricarica. Però, quelle a cui può accedere la Twingo Electric, sono abbastanza comuni: si va dalle 3 ore e 15 con quelle da 11 kW e si scende all'ora e 30 con quelle invece da 22 kW.

Su strada

L'auto è votata al comfort di marcia, ma questo non le preclude un certo piglio sportivo. Ovviamente è il vantaggio più palese quando si guida una vettura elettrica. Hai tutto immediatamente pronto all'uso. Lo sterzo è perfetto per “slalomare” tra auto e motorini, e i parcheggi sono all'ordine del giorno. Nel modo eco il calo delle prestazioni è tangibile, ma non tale da far rimpiangere la modalità di guida normale. Quanto l'apporto delle frenata rigenerativa, passando da Drive (D) a Brake (B), ci sono tre diversi livelli di regolazione dell'intensità, da 1 a 3. Quella più prestante si fa maggiormente sentire negli ultimi metri, ma pensare di risolvere tutto impiegando solo il pedale dell'acceleratore (seguendo lo schema del one pedal) è forse un po' azzardato. L'autonomia dichiarata in ambito urbano è di circa 270 km, ma in base alla nostra esperienza, potremmo dire che i 180 km sono quelli effettivamente alla portata della piccola francese (guidando senza ansie da risparmio).

Prezzi

Al momento Renault Twingo Electric, grazie agli Ecobonus statali in vigore e ai vantaggi offerti dalla rete ufficiale della casa francese, è offerta a partire da 11.500€ (o 89€/mese) in caso di rottamazione. Mentre stando ai prezzi “veri”, l'elettrica della losanga è disponibile con batteria di proprietà a partire da 22.450 euro, escluso Ecobonus, nella versione Zen. Questa versione è dotata, fra l’altro, di climatizzatore automatico e del sistema multimediale EASY LINK. La versione Intens (23.650 euro) aggiunge il Lane Departure Warning, la Parking camera e il sistema di navigazione connesso. La serie speciale di lancio, denominata Vibes Limited Edition ha invece un prezzo di 24.350 euro.