Il recupero della filiera dell’automotive dovrà viaggiare ad una velocità adeguata, definiti solo dopo un’attenta osservazione del mercato. Il rischio, altrimenti, è quello di un “taglio” complessivo. A lanciare questo allarme è Rémi Cornubert, senior partner di Advancy, società di consulenza mondiale.

Coronavirus Fase 2, le novità per il settore auto

Auto usata farà da pioniera

In una intervista al magazine Autoactu, Cornubert spiega. "Rispetto al 2008-2009 oggi siamo in una crisi economica globale. Abbiamo un doppio choc relativo a domanda e offerta. I concessionari sono chiusi e le vendite sono arrivate quasi a zero. È pazzesco. E la Cina, un terzo del mercato mondiale, non è più un motore di crescita. Se si dovesse aspettare di più a ripartire, i fornitori potrebbero scomparire.

Tutte le società ora tendono a conservare i loro soldi e potrebbero esserci fornitori, privi di finanziamenti per produrre, che chiederanno ai loro clienti di pagare gli arretrati prima di effettuare nuove forniture e anche di chiedere il pagamento alla consegna. In più, sempre rispetto a 12 anni fa le persone non riprenderanno a consumare in modo naturale. Siamo in una crisi ciclica che rischia di diventare sistemica per effetto di cambiamenti nel comportamento dei consumatori. La domanda di auto non inizierà allo stesso livello di prima. In Cina sono ripartiti prima con i veicoli usati. E questo potrebbe succedere anche sui mercati europei".

Trasporti Fase 2: la guida a treni, aerei, autobus e metro con turni e sensi unici