Quella di oggi, 22 settembre 2021, per Papa Francesco e BMW Italia è stata una giornata da ricordare. Il Santo Padre infatti, alcuni istanti prima dell'Udienza Generale, ha ricevuto in dono dai vertici della Casa di Monaco di Baviera una BMW i3, primo modello elettrico prodotto in massa dal Marchio tedesco.

Il Ministro Cingolani: "L'Italia può diventare leader nelle rinnovabili"

L'incontro con il Papa in Vaticano

Il Santo Padre ha accolto in Vaticano i vertici della Casa tedesca, con la cerimonia di consegna che è stata effettuata direttamente da Nicolas Peter, membro del Consiglio di Amministrazione di BMW AG e responsabile Finance di BMW Group e da Massimiliano Di Silvestre, Presidente e a.d. di BMW Italia.

Presenti in rappresentanza dell’Azienda anche Maximilian Schoeberl, Executive Vice President Comunicazione, Politica e Corporate di BMW AG e Stefan Hofer, CFO di BMW Italia.

Il commento dell'a.d. Di Silvestre

L’azienda che ho l’onore e il privilegio di presiedere – ha dichiarato Massimiliano Di Silvestre - ha deciso di donare al Santo Padre una BMW i3 perché testimonia il nostro approccio olistico e circolare alla sostenibilità. Si tratta infatti di una vettura completamente elettrica che è all’avanguardia in termini di impatto ambientale sia dal punto di vista dell’uso di energia pulita in fase di produzione che di utilizzo responsabile delle risorse, fino al recycling a fine ciclo di vita. Un’automobile perfettamente in sintonia con quanto indicato dal Pontefice nella sua enciclica «Laudato si’» relativa alla tutela della “casa comune”, il nostro pianeta”.

Ghenzer: "La transizione deve tutelare tutta la società"