Un po' meno squadrato e un po' più versatile, per piacere a un pubblico ampio. Così si presenta SsangYong XAVL Concept, non senza richiedere qualche esercizio di immaginazione a chi osserva i bozzetti. Al Salone di Ginevra si materializzerà con le fattezze di un suv di medie dimensioni, come anticipa la casa coreana. E il segmento dei suv di taglia M fissa l'asticella ben al di sopra l'attuale Korando, modello richiamato da SsangYong per tracciare l'evoluzione stilistica che ha portato prima al concept XAV e, adesso, a XAVL.

XAVL è l'acronimo di eXciting Authentic Vehicle Long e si caratterizza per un frontale molto più vicino alla produzione di serie, a Tivoli e XLV, di quanto non fosse la prima edizione del 2015, allora con un cofano motore da fuoristrada puro, piatto, dove oggi XAVL usa un linguaggio molto dinamico e rifinito. Curiosità per scoprire anche quanta differenza ci sarà in quel Long, visti i 4 metri e 19 centimetri del concept XAV. 

Nelle intenzioni dovrà combinare l'appeal del suv con la funzionalità del MPV. Fiancata scolpita, tetto a guscio, lunotto posteriore avvolgente e fascia dei gruppi ottici unica. Le premesse sono interessanti e si accompagnano a un abitacolo concreto, contraddistinto da una plancia a sviluppo orizzontale, con lo schermo della multimedialità a trapezio, idealmente completato dalla fascia inferiore, al di sopra dei comandi supplementari e del tunnel. Lo spazio a bordo permette di ospitare fino a sette persone.

Indicazioni generiche da SsangYong relativamente ai motori, anticipata la disponibilità di versioni benzina e diesel, diversamente da XAV esposto a Francoforte che proponeva un powertrain ibrido.

LA GAMMA SSANGYONG E IL LISTINO PREZZI