Le rivali sono agguerrite, tutte reduci da un aggiornamento a nuove generazioni. Al Salone di Ginevra 2020, nuova Hyundai i20 rilancerà la partita con un progetto di radicale cambiamento. I primi bozzetti anticipano le scelte stilistiche compiute dall’utilitaria, dettagli che tradiscono un dinamismo del design apprezzabile.

E sembra essere la base ideale per lo sviluppo di una sportività Hyundai N, peraltro logica aggiunta se si pensa all’impegno nel mondiale rally e quanto proporranno le avversarie dirette.

Il prossimo marzo il racconto sarà su una nuova i20 caratterizzata da una griglia frontale dal marcato effetto 3D, un po’ richiamerà quanto vedremo nel corso dell’anno anche su nuova Tucson. Linee che si sviluppano per tratti orizzontali e spigolosi, soprattutto intorno ai fai e sul paraurti.

Spigoli vivi e interni hi-tech

I bozzetti amplificano naturalmente l’impressione di sportività, va detto comunque delle nervature lungo la fiancata e della scelta compiuta al posteriore, con fari collegati da un profilo sotto il lunotto. Soluzione interessante per amplificare l’idea di larghezza dell’auto.

Hyundai i20 2020 non sarà solo un progetto inedito per lo stile, i muletti hanno rivelato interni con ampi display, due da 10,25 pollici, dedicati alla strumentazione digitale e l’infotainment. Misure che posizionano i20 al vertice del segmento B.

Tra le soluzioni che ritroveremo a bordo, anche una grafica del contagiri di scuola Aston Martin, vista la rappresentazione in senso antiorario della scala.

Non sarà solo un effetto wow limitato ad appagare il senso estetico. Il progresso tecnologico lo ritroveremo anche in un pacchetto di Adas avanzati e nelle soluzioni connesse legate all'infotainment.