Ibrido, con uno schema a tre propulsori, ovviamente integrale e, ovviamente, suv. Mitsubishi GT-PHEV Concept si presenta alla vigilia del Salone di Parigi con note interessantissime per immaginare quale sarà il futuro stilistico del marchio. Lo fa con le proporzioni di un suv importante, destinato a rappresentare il fiore all'occhiello di un'eventuale produzione in serie. Accenni della prossima generazione di Outlander? Potrebbe. 

Scomponendo la sigla GT-PHEV si scopre tutto del concept. Ground Tourer, ovvero, poter coprire grandi distanze e districarsi facilmente su ogni terreno, con trazione integrale e selettore Mitsubishi Super All Wheel Control. Plug-in ibrido con elevate doti di marcia in modalità elettrica, grazie alla capacità superiore del pacco batterie. Mitsubishi dichiara un'autonomia di 120 km, sfruttando i motori elettrici posteriori, necessari anche per realizzare la trazione sulle quattro ruote, mentre all'anteriore spazio per un tradizionale motore termico.

Non rivela i dettagli della scheda tecnica, il marchio nipponico. In compenso, uno sguardo chiaro alle linee interessanti del progetto. Dynamic Shield è la firma stilistica sul frontale, un volume elaborato, con un tocco di Evoque in quello che è il taglio dei proiettori e il cofano motore a conchiglia. L'ampia calandra è particolarmente inclinata, mentre gli elementi verticali a "boomerang" sono una caratteristica già apprezzata sul restyling dell'Outlander. 

Specchietti sostituiti dalle telecamere, tetto a contrasto, con porzione panoramica. Gli interni in pelle color Borgogna ne richiamano la tinta e sono completati da una plancia avvolgente e tracciata per svilupparsi in orizzontale. Stessa "direzione" seguita dai gruppi ottici posteriori, su un volume alto e dal taglio molto sportivo, merito dello spoiler, del montante C staccato dal tetto e dal lunotto inclinato. Ha le fattezze del suv dinamico, grazie anche al trattamento scavato sulle fiancate e la linea di cintura alta. Quanto alle portiere, i primi indizi vanno verso un'apertura di quelle posteriori in direzione opposta a quella di marcia. 

Mitsubishi Outlander, la prova