Pensare di personalizzare un Land Rover Defender è sicuramente una sfida stimolante per qualsiasi tuner. Così è stato proprio per Himalaya, specialista nel settore che ha portato alla luce il Summit Series: il Defender, nella sua personale trasformazione, è spinto da un LT4 V8 sovralimentato che eroga una potenza di 650 CV. Ma le modifiche non finiscono qui.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

Interventi ad hoc

Cosa cambia, ancora, nel nuovo Defender Summit Series di Himalaya? Non sono mancati gli interventi all’impianto frenante, ora Brembo. L’impianto è stato pensato e poi costruito con il chiaro obiettivo di avere una maggiore potenza d’arresto. Arrivano, poi, le sospensioni a quattro bracci con ammortizzatori coil-over, il cambio automatico a 8 rapporti, e anche il roll bar e le piastre paramotore, sia anteriori che posteriori. Dando uno sguardo all’abitacolo, il tuner Himalaya è intervenuto anche sui sedili e sul cruscotto, personalizzandoli. Ha rivestito in pelle i pannelli delle portiere, ha progettato un sistema di climatizzazione più all’avanguardia e aggiunto il volante sportivo a fondo piatto.

Se state pensando di fare vostro questo tuning potente, selvaggio e moderno, è bene informarvi che il prezzo si aggiorna tra i 250 e i 300mila dollari (cioè tra i 211 e i 254mila euro). D’altronde, personalizzare una icona del fuoristrada ha il suo costo.

Land Rover Defender, arriva l'ibrido plug-in. Diesel tutti 3 litri mild