Gli appassionati Mini, e non solo, sanno bene che la Mini John Cooper Works GP è la versione più sportiva della gamma. Cosa aggiungere a questa piccola inglese spinta da un motore 2.0 turbo da 225 kW/306 CV e 450 Nm di coppia, con un’accelerazione da 0 a 100 in 5,2 secondi e una velocità massima di 265 km/h? Molti risponderebbero “nulla”. Ma il noto preparatore tedesco Manhart non si è accontentato e ha portato la sportiva a un livello ancora superiore, trasformandola nella sua Manhart F350. Vediamo il risultato.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

I cambiamenti di Manhart

La cura Manhart parte proprio dal motore. Rimappattura della centralina e nuovo intercooler: grazie a questi innesti il propulsore eleva le sue potenzialità, toccando 257 kW/350 CV e 530 Nm di coppia. Le modifiche non finiscono certo qui. Il tuner tedesco piazza sulla Mini John Cooper Works GP un nuovo impianto di scarico Remus e mette le mani anche sull’assetto, così da controllare al meglio le “alterate” prestazioni. Ritocchi al telaio e alle sospensioni: la Manhart F350 davanti è più bassa di 20 mm e dietro di 15 mm. Ci sono, poi, nuovi cerchi speciali da 19”, neri con dettagli rossi.

Sfoglia la gamma Mini: tutti i modelli sul mercato

Colori leggendari

A vestire questa Manhart F350 una carrozzeria British Racing Green con molti dettagli rossi. I richiami, infatti, arrivano direttamente dalla storia e dalle tradizione del Motorsport in Gran Bretagna: la base verde viene tagliata dalle strisce rosse, che ne esaltano la sportività. Chi sarà l’unico fortunato possessore? Unico perché questa Manhart F350 verrà realizzata una volta sola, e altri modelli unici saranno costruiti sulla base delle tantissime combinazioni di colori su cui il preparatore tedesco può contare.

MINI, alleanza con Great Wall e nuovi modelli elettrici