BMW M3 e M4 sono da poco arrivate nei concessionari del Marchio e c’è già chi ha pensato di farne un tuning, come gli specialisti del settore Manhart Performance. Il tuning in questione è in fase di sviluppo ma possiamo godere di un assaggio delle versioni modificate (ergo potenziate) di berlina e coupé, che sono state chiamate Manhart MH3 600 e MH4 600.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

Gli interventi sul motore e sulla carrozzeria

I due tuning si basano sulla versione Competition che monta un biturbo a sei cilindri in linea 3 litri da 510 CV e 650 Nm e che, con la nuova centralina MHtronik Powerbox di Manhart, adesso eroga quasi 630 CV e 750 Nm. Ma c’è anche la possibilità di applicarlo alla versione standard, che così può raggiungere quasi 600 CV. Oltre alla centralina, abbiamo anche un nuovo impianto di scarico completo, dotato di filtro antiparticolato, progettato per restituire un sound più coinvolgente amplificato dal doppio terminale di scarico in carbonio.

Cambia anche l’assetto, grazie alle molle ribassate H&R e ai cerchi in lega Concave One da 21” (disponibili anche in “oro Manhart”), questi ultimi montati su pneumatici 265/30 R21 all’anteriore e 305/25 R21 al posteriore. Per gli amanti dei dettagli in oro, c’è la possibilità di averli anche sulla carrozzeria con il decal kit: le due sportive tedesche potranno sfoggiare, lungo tutto il proprio corpo, inedite grafiche. Ma per quanto riguarda la carrozzeria, c’è da aggiungere anche diversi nuovi elementi in fibra di carbonio che troviamo sul cofano motore, sullo splitter anteriore, sullo spoiler, sul diffusore e sulle minigonne laterali.

Tutti questi interventi rientrano nella prima parte di messa a punto delle BMW M3 e M4, ma è in cantiere una seconda parte del progetto, con relativa evoluzione delle tedesche, che però ci verrà comunicata nel corso del 2021.

BMW M3 e M4 cambiano volto con Prior Design