La geografia dice Spagna e Italia, sia in provincia di Tenerife che di Novara. Ripescando nel passato recente, invece, si trova un'assonanza con la citycar Arosa. Seat Arona sarà il futuro crossover di segmento B della casa spagnola, che al salone di Parigi ha presentato un'interpretazione del suv Ateca specializzata per l'impiego in fuoristrada, la X-perience, che da un'idea potrebbe facilmente proporsi come concreta alternativa nella gamma del suv. 

I punti fermi della strategia legata al prodotto in ottica 2017 sono tre. Si partirà dal restyling di Seat Leon, un facelift che potrebbe essere accompagnato dall'introduzione del nuovo motore turbo benzina TSI da 1.5 litri a ciclo Miller, recentemente annunciato da Volkswagen. Secondo passo importantissimo, perché va a interessare un modello storico del marchio, la presentazione della quinta generazione di Seat Ibiza. I muletti circolano da tempo su strada e il progetto nascerà sulla piattaforma che darà vita anche alla nuova Polo. Diversamente da quanto accaduto con Skoda Fabia - che riprende solo alcune soluzioni, tra servosterzo, motori ed elettronica - verrà adottato il pianale MQB, con i relativi benefici in termini di leggerezza, nella sua variante A0. 

Collegato al progetto Ibiza sarà il crossover Seat Arona, realizzato nello stabilimento di Martorell. L'ufficialità del nome è il primo e unico dettaglio emerso allo stato attuale, un modello chiamato a inserirsi nella partita contro avversari come Fiat 500X, Honda HR-V, Mazda CX-3.

Ibiza e Arona rappresenteranno punte d'attacco per sviluppare il marchio. Prodotti a parte, il presidente Luca de Meo al salone di Parigi ha toccato anche le corde del futuro della mobilità, quindi connettività e digitalizzazione, nuove esperienze nelle formule d'acquisto - dalla piattaforma Seat live store all'accordo, per ora in Francia, con Amazon per la vendita della Mii by Mango -.