Dici Targa e automaticamente è come dire Porsche en plein air. In ambito sportivo è un rimandare alla Targa Florio, legata a doppio filo alla scelta che negli anni Sessanta fecero a Stoccarda, nel battezzare le prime configurazioni di 911 con quella soluzione lì. L’estate 2020 sarà di Porsche 911 Targa 4 e 4S, capitolo nuovo e fedele a un design senza tempo, i cui richiami storici sono evidenziati ancor di più dall’arco silver che corre sopra i sedili dei passeggeri.

911 Targa 4, coupé-spider trasformista

Primo elemento costitutivo per dire d’essere davanti a una Targa, poi c’è il lunotto in vetro, ampissimo e raccordato alle vetrature laterali.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il listino di Auto

Una struttura che si solleva e dà modo al tetto rigido – con rivestimenti anche effetto tessuto – di ripiegare in 19” e trasformare da coupé a spider la 911.

Motore, 6 cilindri di alte prestazioni

Delle Carrera è molto, a cominciare dal motore turbo 3 litri, un boxer accoppiato al cambio PDK 8 marce di serie, a richiesta al manuale 7 marce ma solo per Targa 4S, la più potente tra le due: 450 cavalli e 530 Nm, scatta in 3”6 sullo 0-100 km/h, con pack Sport Chrono. L’ebbrezza dei 304 orari è un +5 sulla velocità massima staccata da Targa 4, dalla sua con 385 cavalli e 450 Nm, sufficienti a coprire lo zerocento in 4”2.

Il dato della prestazione pura inevitabilmente cede il posto alla particolarità della carrozzeria, in attesa che arrivi una versione ancor più potente. A giugno, appuntamento con una personalizzazione Porsche Exclusive Manufaktur, che legherà tecnologia massima e un ancor più marcato richiamo al vintage del modello.

Saranno su strada dal prossimo agosto le due interpretazioni 4 e 4S, con prezzi rispettivamente a partire da poco meno di 130 mila euro e 144 mila euro, sul mercato tedesco (iva al 19%). In Italia, i prezzi saranno compresi tra 132.571 e 148.431 euro.

Trazione e differenziale, così migliorano

Se l’impianto stilistico affina una formula vincolata – con pannelli della carrozzeria in alluminio, escluse le fasce anteriori e posteriori –, sottopelle le nuove Targa 4 ruote motrici sviluppano l’unità di ripartizione della coppia sulle ruote anteriori.

Nel dettaglio, dischi della frizione di rinvio della coppia sull’avantreno irrobustiti, frizione insieme al differenziale dotata di un sistema di raffreddamento ad acqua. Meccanica sulla quale si inserisce il controllo elettronico del PTM – Porsche Traction Management, a decidere quanta e quando la coppia deve essere trasmessa sull’assale anteriore. Al retrotreno, invece, di serie il Porsche Torque Vectoring Plus, con differenziale a controllo elettronico.

Comfort e sicurezza con InnoDrive

In 1.665 kg Porsche ha ritagliato un modo alternativo di vivere la sportività senza il tetto, integrando le innovazioni recentemente lanciate su altri modelli del marchio, come l’InnoDrive, assistenza avanzata alla guida, a partire dalla presenza del cruise control adattivo.

Sfoglia il listino Porsche: tutti i modelli sul mercato

Le differenziazioni estetiche tra 4 e 4S sono nei terminali di scarico – ovali o squadrati –, sono nel design e nelle misure differenziate dei cerchi in lega: 19 più 20 pollici per 911 Targa 4, dove 4S ricorre al set 20 più 21 pollici.

Comune, il sistema di infotainment Porsche Communication Management, lo schermo da 10,9 pollici, la strumentazione digitale configurabile, la navigazione connessa e l’interfaccia Apple CarPlay.

A prova di città con Smartlift

Sfruttabili 365 giorni l’anno, a partire dalla duplice configurazione coupé-spider, con lo Smartlift ritroviamo l’asse anteriore sollevabile autonomamente, ogni volta che l’auto transita in un punto nel quale il guidatore ha memorizzato la presenza di un dosso o, comunque, un ostacolo per il quale è preferibile un assetto un po’ più alto da terra.

Parla Crisci (UNRAE) "Dico rottamazione e incentivi estesi"

Sospensioni dotate di serie della gestione PASM, controllo elettronico con mappature Normal e Sport richiamabili dal guidatore, che potrà anche attivare la Wet Mode specifica per la guida su strada molto bagnata – un suggerimento che viene dato grazie ai sensori installati nel vano ruota –.

Detto della configurazione differenziata per diametro dei dischi freno, l’impianto delle 911 Targa 2020 può essere potenziato con la specifica Porsche Ceramic Composite Brake.

Esclusiva: i rendering del SUV Ferrari VIDEO