BMW M3 berlina ed M4 coupé si preparano al gran debutto. La nuova generazione delle due sportive medie per antonomasia, ormai diventate archetipo, sono agli sgoccioli del loro sviluppo. 

La Casa bavarese ufficialmente, con un filmato e delle immagini che vedete, ha scatenato in pista i prototipi due vetture. Saranno presentate probabilmente a metà settembre. Dalla due porte nascerà la M4 GT3 che scenderà in pista del 2020.

Sotto il vestito camuffato ci sono novità importanti e un piacevole ritorno al passato, almeno per i puristi. Il motore è il 6 cilindri twin turbo, disponibile in due livelli. Da 480 cavalli di potenza, con cambio manuale a sei marce, ecco qui la chicca per gli appassionati. E in versione Competition con 510 cavalli e 650 Nm di coppia, abbinato al cambio automatico a otto marce.

BMW M5 restyling

Anche integrale

A trazione posteriore inizialmente, ma in seguito ci saranno anche M3 e M4 con la tecnologia M xDrive, la trazione integrale, come accade per la M5, quindi resterà la possibilità di “scollegarla” per sbizzarrirsi solo col retrotreno. Oltre a questo la casa dell’elica ha fornito anche i dati dei consumi e delle emissioni nel ciclo WLTP, non banali data la potenza in gioco: 10,5-10,9 litri/100 km con 239-249 g/km di di CO2.

Lo stile cambia tra le due. M4 a due porte si presenta con un muso dal doppio rene allungato: entrambe presentano appendici aerodinamiche, grossi cerchi in lega e i quattro scarichi posteriori. Passeranno velocissime, ma non inosservate.

BMW Serie 8, la serie speciale Golden Thunder