Per la quarta generazione di Hyundai Tucson si avvicina la data del lancio virtuale, fissata per il 15 settembre. Il SUV coreano è dal 2004 un best seller in tutto il mondo, Europa inclusa (1,4 dei 7 milioni di unità finora vendute è stato immatricolato nel Vecchio Continente). Ed è proprio per soddisfare le aspettative di qualità del nostro mercato che la Casa ha effettuato una serie di test sul territorio europeo per mettere alla prova la nuova Tucson. Test in pista, in laboratorio e sulle strade dell’intero continente, per garantire il massimo della qualità costruttiva e dell’affidabilità meccanica dell’auto, oltre che le migliori performance in off road.

Hyundai, le novità in arrivo tra Santa Fe, nuova Tucson e Kona N

Dal Ring alle Alpi

La nuova Tucson porterà in dote un design moderno e di rottura rispetto al resto della gamma Hyundai, tanta tecnologia e una cura maniacale per i dettagli. Non è un caso infatti che il marchio coreano offra sulle sue vetture una garanzia di 5 anni senza limiti di chilometraggio. Per mettere alla prova la nuova Suv, Hyundai ha lavorato per mesi in Europa, dove i clienti sono storicamente molto esigenti dal punto di vista della qualità e per puntare a prendere quote di mercato della sempre agguerritissima concorrenza tedesca.

Una parte importante del lavoro i tecnici della Casa coreana l’hanno effettuato in Repubblica Ceca, in un centro prove specializzato. Tutte le componenti dell’auto sono state messe sotto stress, anche in condizioni difficili come quelle che si possono incontrare quando si abbandona l’asfalto. Nonostante il carattere urbano e modaiolo Hyundai ha voluto che la nuova Tucson fosse anche un’affidabile compagna di avventura in off road. Per testarla sotto questo aspetto i tecnici hanno effettuato prove di tenuta nell’acqua in guadi fino a 30 cm e verificato la rigidità della vettura aprendo porte, baule e tettuccio mentre il veicolo era poggiato su due ruote opposte.

Oltre ai test in laboratorio e in fuoristrada i tecnici Hyundai hanno poi effettuato migliaia di km di test su strada e in pista, facendo affrontare alla nuova Tucson percorsi di ogni tipo. Dalle strade alpine fino a quelle del sud della Spagna, senza dimenticare i duri test sull’asfalto del Nurburgring Nordschleife, l’"inferno verde" tedesco banco di prova privilegiato per ogni auto che voglia mettere alla prova le sue qualità dinamiche.

Hyundai Kona restyling, il full led riscrive il frontale

Pronta alla produzione

Dopo il via libera ottenuto in tutte le prove finora effettuate, la nuova Tucson si avvia ad affrontare l’ultimo ciclo di test che darà il via libera alla produzione. Per assemblare la versione europea del suo nuovo Suv Hyundai ha scelto lo stabilimento Motor Manufacturing Czec h (HMMC) in Repubblica Ceca. Quella che debutterà il 15 settembre è la terza generazione della Tucson a essere prodotta nel Vecchio Continente.

Hyundai Kona Electric, che record: 1.026 km d'autonomia con una sola carica