Car of the YearOrganizzatore italiano del premio
The Car of the Year

Nuova BMW Serie 7 sarà (ovviamente) di Livello 3

Nuova BMW Serie 7 sarà (ovviamente) di Livello 3

Il responsabile dello sviluppo BMW spiega come la funzione sarà attivabile dal cliente, su un impianto hardware (sensori e camere) e software condiviso con iX. Sarà una frontiera annunciata da molti, restano da superare i vincoli normativi

5 novembre

Annunci ad altissima tecnologia. Quando, realmente, saranno contenuti disponibili per essere davvero utilizzati su strada, resta tutto da vedere. Si parla ancora di Livello 3 di assistenza alla guida, una frontiera avanzata, che solleva il guidatore dall'obbligo di tenere le mani sul volante ma non della rapida presa di controllo dell'auto se il sistema di assistenza lo richiede.

Nuova BMW Serie 7 prosegue il percorso di sviluppo, in vista di una presentazione programmata nel corso del 2022. Come  se il design delle recenti BMW non avesse fatto discutere abbastanza, l'ammiraglia porterà la contesa su un piano ulteriore, visto il frontale atteso con fari sdoppiati e ampissima calandra (come il prossimo super suv BMW XM).

Livello 3 ready (come iX)

Quel che conta, però, è altro. È il bagaglio tecnologico, di altissimo livello, che porterà su strada. Ed è il direttore dello sviluppo di BMW, Frank Weber, a far luce nelle dichiarazioni riportate da Forbes: "Vedrete il prossimo anno il Livello 3 su Serie 7. Sarà una funzione che sarà possibile acquistare e pronta al lancio della Serie 7. La pila tecnologica già della iX è un sistema di Livello 3", spiega Weber, indicando la presenza dell'hardware e software necessari all'automazione. 

Tecnologia pronta

Stesso grado di assistenza avanzata porterà su strada la nuova Audi A8 nel 2023 (qui trovi il recentissimo restyling). Weber, realisticamente, prosegue: "Nei prossimi anni non vedrete un solo lancio nel quale qualcuno non dirà ecco la mia macchina, è una Livello 3. Ci sono voluti quasi 700 milioni di chilometri simulati e nel mondo reale per dire che il nostro sistema guida in modo più sicuro di un essere umano. Una volta che ci sarà l'introduzione del veicolo, con un prodotto stabile serve almeno un anno per finalizzare il Livello 3".

La barriera resta sempre quella delle normative, diverse a seconda dei mercati di riferimento e con il nodo della responsabilità in caso di incidente. "Il legislatore europeo sta esaminando quanta autonomia concedere. Sono parecchio scettici sulle funzioni di Livello 2+, perciò al momento non sono consentite e non esistono norme per il Livello 2+ in Europa", commenta Weber.

La frontiera "limite" dell'assistenza 

Riprendendo alcune considerazioni passate di Carlos Tavares, al tempo in cui era ancora Gruppo PSA, l'industria dell'auto andrà verosimilmente verso la frontiera del Livello 3 su alcune tipologie di auto: “Su un veicolo autonomo siamo giunti alla conclusione che, oltre il Livello 3, non c’è più una connessione tra costo e valore per il cliente. Non c’è più un business case (una giustificazione dell’investimento; ndr) che possa essere strutturato e le compagnie potrebbero anche non svilupparlo.

Crediamo che i veicoli autonomi di Livello 4 e Livello 5 saranno una realtà, come le navette e i robotaxi in aree chiuse, però questi dispositivi di mobilità altamente tecnologici saranno così costosi che risulteranno fuori portata". 

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi