Aston Martin DBX707, 707 cavalli e prestazioni da supercar per il Suv

Aston Martin DBX707, 707 cavalli e prestazioni da supercar per il Suv

Aston Martin lancia il "Suv di lusso più potente del mondo": ha 707 cavalli e prestazioni da super sportiva, ma senza rinunciare a lusso e comfort

di Redazione

1 febbraio

La potenza e le prestazioni sono quelle di una supercar, ma la carrozzeria resta quella di un Suv. Con la nuova DBX707, dove il numero sta a indicare i cavalli erogati dal V8 a benzina, Aston Martin ha concretizzato la propria promessa di realizzare “il Suv di lusso più potente del mondo”. Rivisitata sotto ogni aspetto, dal motore all’impianto frenante, passando per telaio, sospensioni e design esterno, la più estrema delle DBX non rinuncia però alle sue qualità di comfort e versatilità. Brucianti le prestazioni: da 0 a 100 km/h accelera in 3,3 secondi.

Aston Martin DBX707, super Suv da 707 cavalli

Aston Martin DBX707, super Suv da 707 cavalli

Aston Martin lancia versione più estrema del suo Suv: ha un V8 biturbo da 707 cavalli e sprigiona prestazioni da supercar

Guarda la gallery

Aston Martin DBX707, potenza record per il Suv

La DBX rappresenta un prodotto di fondamentale importanza per Aston Martin, in quanto costituisce oltre la metà delle immatricolazioni del brand e ha permesso alla Casa inglese di chiudere il 2021 battendo ogni record di vendite. Ora la gamma del Suv britannico si arricchisce con una nuova versione che va a costituirne l’apice a livello prestazionale: la DBX707. Anticipata a gennaio con la promessa di realizzare il “Suv di lusso più potente del mondo”, la più estrema delle DBX mantiene la promessa grazie a un poderoso V8 a benzina, da 4 litri e con due turbo, che riesce a garantire una potenza di 707 cavalli e 900 Nm di coppia massima. Merito di una rivisitazione profonda del motore di origine Mercedes, che ha permesso di guadagnare ben 156 cv rispetto a quella che, finora, era la versione più potente del Suv.

Oltre al motore, è stata modificata la trasmissione automatica a 9 marce con frizione a bagno d’olio, che garantisce passaggi di marcia più veloci, ma anche più coinvolgenti nella guida sportiva. Il risultato è un’accelerazione da 0 a 100 km/h che viene coperta in appena 3”3: un dato migliore rispetto a quello della DBS Superleggera, dotata del V12 aspirato ma con la sola trazione posteriore. Adattati per sopportare la maggiore potenza della DBX707 anche i freni, con un impianto dotato di dischi in materiale carboceramico da 420 mm anteriori e 390 mm posteriori. Modifiche significative hanno riguardato poi anche il differenziale, con rapporto finale minore e una gestione elettronica che, se necessario, invia fino al 100% della coppia all’asse posteriore. Ritarate infine sospensioni ed elettronica, allo scopo di garantire anche il massimo dell’agilità e del piacere di guida a dispetto della massa importante dell’auto.

Aston Martin DB5, il modellino più costoso al mondo vale 250mila euro

Lusso e sportività

A livello estetico, il team di designer Aston Martin ha optato per delle linee che sottolineassero la maggiore sportività della BDX707, senza però eccessi. A distinguere questa versione di punta dalle altre ci sono una serie di elementi della carrozzeria ridisegnati, a partire dai paraurti e dalle minigonne, fino allo spoiler posteriore e al più grande e vistoso impianto di scarico con quattro terminali inseriti nel grande estrattore. Le ruote sono, in opzione, fino a 23” di diametro. Splitter e minigonne in nero lucido, griglia con barre orizzontali cromate e prese d’aria ingrandite completano l’opera.

Anche all’interno, la DBX707 segue la filosofia di coniugare sportività e lusso. I sedili Sport sono di serie (anche se in alternativa è possibile scegliere quelli Comfort) con diversi tipi di rivestimenti a scelta tra Alcantara e pelle. La continuità stilistica con l’esterno è garantita da inserti scuri cromati, che possono essere sostituiti, in opzione, da cromo brillante e fibra di carbonio. Inoltre, sono disponibili le personalizzazioni del programma Q by Aston Martin, attraverso cui è possibile scegliere le caratteristiche di ogni dettaglio dell’abitacolo.

Ancora nessuna informazione ufficiale è stata rilasciata da Aston Martin riguardo il prezzo del nuovo modello, che sarà disponibile all’inizio del secondo trimestre 2022. In attesa, nei prossimi mesi, anche di una versione ibrida della DBX.

Lunaz, restomod elettrico da 1 milione su Aston Martin DB6

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi