Coronavirus Fase 2, le novità per il settore auto

Coronavirus Fase 2, le novità per il settore auto

Le norme sugli spostamenti rimangono invariate, ad eccezione della visita ai parenti. Rimane l'obbligo dell'autocertificazione ma ripartono fabbriche e concessionari: ecco cosa ha deciso il Governo con il nuovo decreto

di Redazione

27 aprile 2020

Con un nuovo decreto legge, il Governo italiano ha comunicato ai cittadini i dettagli della cosiddetta Fase 2, quella in cui dovremo imparare a convivere con il COVID-19 tentando di far ripartire l'economia del Paese. I punti del piano sono stati forniti dal premier Giuseppe Conte nella sua ormai consueta conferenza stampa. Ecco i punti che interessano il settore auto.

Nel nostro listino auto usate, tante occasioni da non perdere a portata di click!

Spostamenti e autocertificazione

Le regole sugli spostamenti, sia a piedi che su un veicolo, rimangono invariate rispetto alla Fase 1. Si potrà quindi uscire solamente per comprovati motivi di lavoro, salute e necessità come acquistare cibo e farmaci. L'unica novità riguarda un nuovo punto inserito, quello di recarsi in visita ai propri parenti. Tutte queste operazioni continueranno a richiedere l'utilizzo dell'autocertificazione che, almeno fino al 18 maggio, sarà ancora obbligatoria.

Trasporti Fase 2: la guida a treni, aerei, autobus e metro con turni e sensi unici

Spostamenti che si intendono all'interno della regione di residenza: muoversi verso un'altra regione rimane dunque vietato, ad eccezione delle ormai note motivazioni di cui sopra. Inoltre, tutte le persone che al momento dell'inizio della quarantena sono rimaste bloccate nel luogo di studio o lavoro, sono autorizzate a rientrare al proprio domicilio o residenza.

Naturalmente, rimane l'obbligo di distanziamento sociale di almeno un metro, mentre all'interno dei mezzi pubblici sarà reso obbligatorio l'uso delle mascherine.

Concessionarie, si riparte

Dal 4 maggio assisteremo inoltre a una prima, ma importante, riapertura delle fabbriche, comprese quelle automobilistiche, e delle concessionarie. Ovviamente nel rispetto massimo delle norme di sicurezza.

Coronavirus, le Case che ti consegnano l'auto a casa

Nello specifico, il decreto prevede che nelle Fase 2 riaprano le industrie manufatturiere (e il settore auto rientra tra queste) e il cosiddetto "commercio all'ingrosso e dettaglio", macrocategoria che include al suo interno anche le concessionarie, data la presenza della voce "riparazione di autoveicoli e motocicli".

Cerchi un'auto nuova? Consulta il nostro listino completo!

Si tratta solamente di un inizio, ma l'Italia a quattro ruote è pronta a ripartire.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi