Si chiama Elexent, ed è l’azienda del gruppo Renault dedicata ai servizi per la ricarica di mezzi elettrici e ibridi plug-in. Con un obiettivo ambizioso, quello di semplificare le operazioni di rifornimento di energia elettrica per veicoli a due e quattro ruote in tutta Europa. Si comincia in Francia, dove Elexent sperimenterà il suo sistema a livello locale prima di esportarlo in tutti i Paesi del Vecchio Continente.

Nissan Ariya, produzione in vista per il suv elettrico

Sostegno alle aziende

Uno dei maggiori limiti dell’auto elettrica è quello legato alla ricarica. Le colonnine sono ancora poco diffuse, e soprattutto non in maniera omogenea, e i tempi di rifornimento sono spesso elevati a causa della scarsa potenza dei punti di ricarica. Elexent punta a mitigare questi problemi aiutando le aziende ad aggiornare le proprie infrastrutture in modo da consentire l’adozione di flotte elettriche o ibride plug-in. L’azienda francese mette a disposizione tutto il suo know-how dalla progettazione degli impianti di ricarica fino all’installazione delle colonnine, fornendo così alle aziende l’impianto pronto all’uso.

Le soluzioni proposte da Elexent non saranno vincolate alla presenza di veicoli Renault nelle flotte dei clienti, e i punti di ricarica saranno compatibili con qualsiasi veicolo elettrico, dalle due ruote alle auto, fino ai veicoli commerciali. I sistemi sono pensati per le aziende, ma anche per enti locali e attività commerciali che vogliono mettere a disposizione dei clienti dei punti di rifornimento. L’attività della Elexent è al via in Francia, ma l’obiettivo a breve termine è ampliare le attività della società in tutta Europa, seguendo un modello di accordi a livello locale in ogni Paese. Entro la fine del 2020 l’azienda dovrebbe essere operativa in Francia, Germania, Gran Bretagna, Svizzera, Austria e Paesi Bassi.

Ford Mustang Mach-E, più potenza per il SUV elettrico