È tutto pronto per il debutto di Enyaq IV, il primo SUV elettrico di Skoda, fissato per il 1° settembre 2020. Se i teaser rilasciati nelle scorse settimane forniscono dettagli su interni ed esterni, è direttamente il capo progettista dell'illuminazione esterna della Casa boema a fornire ulteriori notizie sull’aspetto dei fari e dei fanali posteriori, elementi che si preannunciano fortemente caratterizzanti del design di Enyaq IV.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

I fari esaltano il carattere innovativo

In un’intervista pubblicata sul sito ufficiale di Skoda, Petr Nev?ela ha descritto i nuovi fari a matrice full Led, sottolineandone le differenze con i modelli attualmente sul mercato. “Nell’implementare l'attuale linguaggio stilistico di Škoda, avevamo già sviluppato molto i fari anteriori di Scala e Kamiq e della nuova generazione di Octavia. In tutti i modelli presentati negli ultimi 18 mesi, i fari sono generalmente più piatti e ciò si traduce in un effetto ancora più dinamico. Inoltre su Kamiq abbiamo aggiunto le luci diurne posizionate in alto. Ulteriori elementi cristallini sono stati incorporati nel design dei fari. Con Enyaq IV stiamo continuando in questa direzione e stiamo perfezionando dettagli specifici, come le nuove luci di marcia diurna finemente progettate con ciglia sottili e la nuova forma esagonale dei moduli Led principali. I nuovi fari e i fanali posteriori esaltano ulteriormente il carattere innovativo del nuovo Enyaq IV”.

Le tempistiche di progettazione

Di fronte a questi cambiamenti e a nuovi livelli di innovazione, non ci si può certo aspettare che il lavoro sui fari e fanali posteriori sia semplice e veloce. E la conferma arriva dalle parole di Nev?ela: “Il processo di sviluppo può variare dai sei ai 12 mesi”. Questo aspetto, infatti, è strettamente collegato con il team degli esterni: un coordinamento a 360°. “Lo  sviluppo del design è un processo dinamico”.

Tradizione e sostenibilità

C’è molto della tradizione ceca nella nuova illuminazione di Enyaq IV. L’ispirazione arriva, infatti, dal cristallo di Boemia. “Le linee precise, le disposizioni geometriche e le superfici in vetro sono affascinanti e, a seconda dell'incidenza della luce e del lato in cui si guardano, offrono sfaccettature sempre diverse”. Ma non c’è solo il passato. Skoda pensa al futuro e al concetto di sostenibilità: per l’illuminazione del primo SUV elettrico del Marchio, infatti, è stata sfruttata anche l'innovativa tecnologia Led.

Skoda Enyaq iV svela la silhouette e annuncia il debutto