Un test drive all’apparenza come tanti altri, ma con protagonisti d’eccezione: la nuova Volkswagen ID.3 elettrica, Elon Musk ed Herbert Diess. Un episodio che ha catalizzato l’attenzione dei media di tutto il mondo, e che ha dato il via a una serie di speculazioni su nuovi scenari industriali di collaborazione tra Tesla e Volkswagen. Prontamente smentiti dal grande capo del gruppo tedesco.

Il fatto è avvenuto vicino Wolfsburg, città sede dalla Volkswagen e quartier generale di uno dei gruppi automobilistici più grandi del globo. Elon Musk, CEO di Tesla, è stato portato a fare un test drive sulla nuova VW elettrica, la ID.3, direttamente dall’amministratore delegato del gruppo tedesco, Herbert Diess. Pochi chilometri, documentati da un video postato sul suo profilo Linkedin da Diess stesso, in cui i due hanno interagito come concessionario e cliente parlando dell’auto e dei suoi equipaggiamenti.

Tesla, in Europa sarà costruita una Model Y diversa

Obiettivo Europa

Il test drive è stato incluso, a sorpresa, nel viaggio di tre giorni effettuato dal miliardario sudafricano in Germania. Ufficialmente per verificare di persona i lavori della nuova Gigafactory di Tesla in costruzione non lontano da Berlino. Un impianto produttivo importante a livello strategico, ma non solo. La fabbrica avrà una capacità produttiva di 500.000 vetture all’anno, e adotterà nuove tecnologie (alcune arriveranno anche dall’Italia) per migliorare la qualità produttiva delle Tesla rispetto a quelle realizzate negli USA. La prima a vedere la luce nello stabilimento tedesco sarà la Model Y.

Prima di tornare negli Stati uniti, Musk ha incontrato Diess per effettuare il test drive e scambiare alcune parole. Il motivo per cui i due abbiano voluto vedersi di persona non è stato comunicato, facendo così fiorire le ipotesi su una possibile collaborazione tra le due Case. Scenari subito smentiti direttamente dal grande capo del gruppo Volkswagen, che ha commentato così l’incontro: “Tanto per essere chiari: abbiamo soltanto guidato la ID.3 e fatto due chiacchiere. Non c’è nessun accordo/collaborazione in corso”.

Tesla, teaser della compatta per la Cina

Sfida commerciale

Benché Volkswagen e Tesla siano apertamente in concorrenza tra loro, Diess ha speso parole di stima nei confronti del collega: “Musk sta portando la tendenza del futuro tecnologico dell’automotive” aggiungendo che in Germania l’arrivo di Tesla “vivacizzerà la competizione accelerando significativamente la trasformazione della nostra industria”. L’obiettivo di spostare il mercato verso le auto a zero emissioni è infatti un obiettivo comune per entrambi i Costruttori.

Nonostante i rapporti cordiali tra Diess e Musk, Volkswagen resta rivale e concorrente di tesla, come conferma il guanto di sfida lanciato Bernd Osterloh, presidente del consiglio di fabbrica del gruppo tedesco: “Se Tesla realizza tre stabilimenti in cui possono essere prodotte dalle 300.000 alle 500.000 auto, allora stiamo parlando di un numero di unità compreso tra 900.000 e 1,5 milioni. Vogliamo ottenere lo stesso risultato nel 2023, probabilmente anche prima”. Osterloh ha anche sottolineato il “grande vantaggio” che ha Volkswagen su Tesla: la nuova piattaforma MEB, elettrificata e modulare per ospitare i modelli a batteria dell’intero gruppo.