Viaggiare nella propria auto senza dover guidare né preoccuparsi di quello che succede fuori dall'abitacolo è un sogno che accomuna molti automobilisti. Ma che, per diventare realtà, dovrà attendere ancora qualche tempo, visto che i sistemi di guida autonoma attuali sono ancora limitati nelle loro funzioni. Un dettaglio, questo, che sembra non essere interessato a un ventenne in Canada, sorpreso a dormire nella sua Tesla mentre la vettura sfrecciava a oltre 140 chilometri orari.

Tesla, bug ai Supercharger V3: ricarica per tutte le altre elettriche

Guida pericolosa

Il ragazzo era seduto al posto di guida di una Tesla Model S che viaggiava su un'autostrada nello stato dell'Alberta, in Canada, insieme a un passeggero. La vettura procedeva a velocità sostenuta mantenendo traiettoria e distanza dagli altri veicoli grazie all'Autopilot, mentre i due occupanti entrambi addormentati. L'inusuale scena non è sfuggita alla polizia stradale canadese, che si è subito lanciata all'inseguimento della Tesla.

L'auto è stata fatta fermare e il ragazzo alla guida è stato denunciato per guida pericolosa, e dovrà comparire a processo a dicembre. "Sono nella polizia da 23 anni, ma non avevo mai visto nulla di simile" ha dichiarato uno degli agenti che hanno partecipato al'azione.

Lucid Air, ecco l'anti Tesla da 80.000 dollari

Autopilot ancora limitato

Attualmente i sistemi di guida autonoma non consentono di viaggiare totalmente in modalità automatica. La stessa Tesla, che con il suo Autopilot offre uno dei sistemi più avanzati, raccomanda ai suoi clienti di mantenere sempre alta l'attenzione mentre la vettura procede in modalità automatica, e di tenersi pronti a riprendere il controllo attivo del mezzo. Inoltre i codici della strada vietano ancora la guida totalmente autonoma e obbligano il conducente a restare sempre vigile.