Definito il decreto sui bonus per le auto elettriche riservati alle famiglie meno abbienti. La notizia sugli incentivi arriva mentre in Parlamento si preme per una nuova versione del Recovery Plan che pensi a una strategia di trasformazione del settore automotive.

Destinato a chi ha tetto Isee 30mila euro

La misura del Ministero dello Sviluppo Economico è in favore delle famiglie con Isee inferiore a 30.000 euro, per l’acquisto o il leasing di auto elettriche con potenza fino a 150 kW. Un contributo del 40% su veicoli di listino inferiore a 30.000 euro iva esclusa, valido fino al 31 dicembre 2021 e non cumulabile con altri bonus statali.

La piattaforma del MISE

Il tetto di spesa per lo stato è di 20 milioni di euro, come previsto dall’emendamento del Movimento Cinque Stelle. È un provvedimento diverso rispetto all’ecobonus, che prevede incentivi in base al livello di emissioni di Co2. La cifra del nuovo bonus sarà corrisposta al cliente dal concessionario, che sarà poi rimborsato dalle Case produttrici o dagli importatori. I concessionari dovranno registrarsi sulla piattaforma www.ecobonus.mise.gov.it gestita da Invitalia per inserire i dati della pratica, del cliente e del veicolo interessati.   

Proposte per la rivoluzione

Intanto continua la battaglia sul Recovery Plan in Parlamento: i deputati chiedono che il governo valuti politiche atte a svecchiare il parco auto nazionale, misure di sostegno a investimenti in ricerca e innovazione, aiuti alle spese per la formazione professionale. La strada per rivoluzionare il settore motori è lunga e tortuosa, ma potrebbe essere il momento buono per iniziare.

Unione Europea, sì a mild-hybrid per le vetture a gas