Protagonista assoluta nel segmento delle vetture compatte, e in quello dell’ibridizzazione definita leggera, Suzuki ha deciso di cambiare passo. Certo non rinuncia al suo patrimonio, piuttosto allarga l’offerta disponibile. E lo fa puntando su un segmento di mercato che conosce molto bene, quello dei Suv.

Gli Sport Utility Vehicle sono dopotutto una delle bandiere più rappresentative del brand giapponese. Un “simbolo” a cui Suzuki decide di accompagnare il “simbolo” dell’elettrificazione a portata di utente, ossia l’ibrido plug-in. Quella formula ingegneristica perfetta per tastare con mano il potenziale di muoversi in elettrico, con la certezza che la disponibilità di una infrastruttura di ricarica non deve essere sempre prioritaria.

Sintesi di questa formula un modello inedito, per tipologia e filosofia del marchio, la nuova Suzuki Across. Suv di grandi dimensioni secondo gli standard Suzuki, capace di un’autonomia nel solo modo elettrico che potrebbe addirittura soddisfare le esigenze settimanali se vi muovete abitualmente solo in città.

Il layout ibrido plug-in di Suzuki Across ha diversi elementi protagonisti. Il primo è sicuramente il motore aspirato a benzina da 2,5 litri di cilindrata.

Non perdete il servizio completo sul numero speciale di Auto "Guidare con la Spina", in edicola dal 3 giugno, e disponibile anche qui in edizione digitale.