Volkswagen, un video per spiegare la mobilità elettrica

Volkswagen, un video per spiegare la mobilità elettrica

Il Gruppo tedesco ha pubblicato un breve video per mostrare quali sono i tipi di punti di ricarica e come utilizzarli nel modo più vantaggioso possibile

di Redazione

29 gennaio 2021

In Italia le infrastrutture per la mobilità elettrica si diffondono rapidamente, con vantaggio di chi vuole convertirsi alle vetture a zero emissioni. Ma ancora c'è molto da fare, sia come numero di impianti di ricarica che per la loro potenza. Volkswagen, attraverso un video pubblicato su YouTube, testimonia il suo impegno nella diffusione dell'infrastruttura nel nostro Paese. Fornendo anche una guida base su quali sono i tipi di colonnine esistenti, la loro potenza e la velocità con la quale riescono a ripristinare il livello di carica della batteria.

Volkswagen ID.3, la prova su strada

Volkswagen ID.3, la prova su strada

La Volkswagen ID.3 è la prima elettrica di Wolfsburg, nata sul pianale specifico dedicato alle vetture a 0 emissioni del Gruppo tedesco. Grande come una Golf, prodotta nella fabbrica che produceva le Golf, avrà lo stesso successo della Golf? Scopritelo del test su strada a cura di Arturo Rizzoli

Guarda il video

Ricarica sempre più veloce

Quello della ricarica è un mondo complesso che mette l'utente di fronte a diversi tipi di colonnina e di servizi. Per aiutare gli automobilisti che guidano vetture tradizionali a fare chiarezza, Volkswagen ha rilasciato un breve video animato realizzato con Ionity, azienda leader nelle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici. Nel video viene spiegata innanzitutto la differenza tra i vari range di potenza dei POC (point of charge), che si distinguono in standard, con potenza fino a 3,7 kW, quick, fino a 22 kW (questi due tipi con corrente alternata), fast, con corrente continua, che garantiscono fino a 100 kW, e infine ultra fast (o HPC), che supera i 100 kW. Quanto basta per ricaricare in 30 minuti la batteria di una Volkswagen ID.3 fino all'80%.

Il video suggerisce poi il migliore utilizzo di una vettura elettrica per facilitare i rifornimenti e ridurre le spese: quando ci si muove in città o per brevi tratti è bene ricaricare l'auto a casa, mentre se si affrontano lunghi viaggi è possibile sfruttare uno de 19mila punti di ricarica pubblici sparsi per l'Italia. Quanto basta per muoversi già ora con l'elettrico, anche se c'è molto lavoro da fare, soprattutto con le colonne ad alta performace. Ionity ha già installato 65 HPC in 16 stazioni di servizio, e questo numero è destinato ad aumentare in breve tempo. Per rendere la mobilità elettrica vantaggiosa non solo in città, ma anche sulle lunghe distanze.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi