Il mercato cinese rappresenta un'opportunità enorme per i Costruttori di auto di tutto il mondo, ma è anche un terreno fertile per decine di Case locali. Il Paese asiatico conta 1,4 miliardi di abitanti, e benché molti di essi vivano in aree rurali, sono sempre di più coloro che acquistano un'auto. Per questa ragione sono fioriti negli ultimi decenni una miriade di produttori, parte dei quali ha mostrato ottime capacità sia a livello costruttivo che di design, ma sono molti ad avere l'abitudine di realizzare auto fortemente ispirate a quelle europee, se non veri e propri cloni difficili perfino da distinguere dagli originali.

Si tratta di un fenomeno che non conosce freni, nonostante le regolari lamentele delle Case (quasi sempre europee) i cui modelli vengono copiati. Tuttavia nella maggior parte dei casi le rimostranze dei Costruttori non sortiscono alcun effetto. E, trattandosi il più delle volte di modelli destinati a non uscire mai dai confini cinesi, i produttori si arrendono e accettano, sia pure loro malgrado, il plagio.
Ecco, in questa classifica, alcuni dei casi più clamorosi di modelli-copia dalla Cina.

Leapmotor T03, il clone elettrico di Fiat 500 sbarcherà in Europa?