Elon Musk ha escogitato l'ennesimo modo per far parlare di sè (come se ce ne fosse bisogno). Il capo di Tesla ha infatti prodotto la Tesla Tequila: ebbene sì, la tequila firmata Tesla, contenuta in una bottiglia a forma di fulmine e dal costo proibitivo di 250 dollari a bottiglia. E il bello è che la bottiglia è già andata a ruba.

COM'É NATA LA STRANA IDEA...

Parliamo di Elon Musk, e quindi la genesi del prodotto non può essere un fatto convenzionale. L'idea originaria nasce nell'aprile 2018, quando iniziarono a susseguirsi sul web alcune fake news su un fantomatico fallimento finanziario di Tesla. Musk rispose con ironia alla finta bancarotta, affermando di essere stato rinvenuto accasciato a fianco di una Tesla Model 3 circondato da bottiglie di una non meglio precisata "Teslaquila" e un cartello in mano con la scritta "Bancarotta". Evidentemente, Musk deve aver pensato e ripensato a quell'episodio e a quella bizzarra bevanda, tanto che adesso quest'ultima è diventata realtà.

250 DOLLARI PER UNA BOTTIGLIA

La Tesla Tequila è stata realizzata in collaborazione con il marchio di alcolici Nosotros e il distributore Speakeasy, ed è disponibile solo negli Stati Uniti, in cui la vendita di alcol per posta è concessa dalla legge - presto inizieranno le prime consegne -. E il successo è stato enorme: in molti infatti hanno speso i 250 dollari necessari per acquistare la singola bottiglia.

Per tutti gli appassionati di tequila: la Tesla Tequila è una añejo 100% ottenuta da agave premium in piccoli lotti a base di agave di alta montagna e di pianura provenienti da fonti sostenibili. Ha la particolarità di essere invecchiata per 15 mesi in botti di rovere francese, contenendo anche sapori di frutta, vaniglia, cannella e pepe. Inoltre, la bottiglia è in vetro soffiato a mano.

Tesla Full Self Driving, in USA costa 10.000 dollari