Mini ha sempre abituato il mondo dell’automotive alla sua innata mentalità avanguardistica. Lo fece fin dalla sua nascita con la Morris Mini Minor del 1959 – costruita dalla British Motor Corporation, ma considerata la prima originale Mini – vera e propria icona di quegli anni e lo fa tutt’ora - oltre che per la nuova Mini Vision Urbanaut – per la seconda collaborazione della sua storia con lo stilista inglese Paul Smith.

Due vere e proprie icone di stile e design, che in questa nuova fase della loro collaborazione instaureranno un dialogo creativo, lavorando insieme per sviluppare soluzioni di design con un’attenzione ancor maggiore alla sostenibilità.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

La strada verso la sostenibilità

La Mini ha saputo sempre sfruttare il massimo dalle sue creazioni, già molto tempo prima che le case automobilistiche iniziarono a parlare di sostenibilità, riducendo sempre al minimo il consumo sia di materiali che di risorse. Questa è stata la chiave di volta per la nascita di questa collaborazione: “La chiave di molti design iconici è la semplicità - commenta Sir Paul Smith - in altre parole, si tratta di ciò che si tralascia, non di ciò che si aggiunge […] e siamo costantemente alla ricerca di modi per fare di più”.

La sostenibilità è sempre stata un modo per affrontare le cose per entrambi, dunque, e questa nuova collaborazione è senza ombra di dubbio un passo logico da compiere per entrambe le parti. “Siamo attratti l'uno dall'altro, dalle nostre somiglianze - afferma Oliver Heilmer, Head of MINI Design, e poi ci ispiriamo e ci arricchiamo a vicenda attraverso le differenze tra il mondo della moda e l'industria automobilistica. Perché non c'è futuro senza sostenibilità".

La prima collaborazione

Risale alla fine degli anni ’90 la prima collaborazione tra Sir Paul Smith e Mini. Collaborazione che portò alla creazione di un’edizione speciale della Mini classica. L’auto in questione, oltre ad essere stata prodotta in tiratura limitata, venne appositamente verniciata in una tonalità di blu inedita e interamente immaginata dall’importante stilista britannico. Importante fu, poi, anche l’altra edizione unica presentata in occasione del 40° anniversario della Mini classica, che Paul Smith dipinse con le sue iconiche strisce multicolore.

Mini John Cooper Works GP by Manhart: più sportiva e potente