Tutte le proposte per uscire dalla crisi

Tutte le proposte per uscire dalla crisi

Scopriamo cosa UNRAE e ACI hanno stilato per favorire la ripresa dell'automotive e degli automobilisti italiani

di Redazione

15 maggio 2020

Le richieste fatte da UNRAE si basano su tre punti:
- Aumento della disponibilità del fondo previsto dall’attuale ecobonus per allargarlo ad altre fasce di veicoli;
- Allineamento agli altri paesi europei per il peso fiscale sulle auto aziendali;
- Eliminizione dell’ecomalus fino a fine anno.

Speciale Ripartiamo: Dignità per tutto l'automotive

Introduzione di una terza fascia di incentivi per le auto che hanno emissioni di C02 da 61 a 95 g/km. L’incentivo sarebbe di: 2.000 € con rottamazione di un veicolo inquinante. 1.000 € senza rottamazione. Aumento importi seconda fascia ecobonus per i veicoli che hanno un’emissione di CO2 da 21 a 60 g/km. 1.500 € con rottamazione di veicolo inquinante (attuali 2.500 € totale 4.000 €). 1.000 e senza rottamazione (attuali 1.500 € totale 2.500 €).

Ecotassa 2020, l'elenco delle auto che dovranno pagare

I VANTAGGI PER LE AZIENDE

Con queste richieste ci allineeremo agli altri paesi europei in fatto di fiscalità

- Aumento del tetto massimo deducibile per le auto aziendali fino a 50.000 euro;
- Aumento della quota ammortizzabile per le auto aziendali portandola al 100%;
- Aumento della detraibilità dell’Iva per aziende e professionisti portandola al 100%.

LA PROPOSTA DI ACI

Le vetture ma anche i veicoli commerciali immatricolati pre Euro 4 sono quelli più altamente inquinanti. La proposta fatta da tempo dall’Automobile Club d’Italia riguarderebbe un incentivo del governo per la loro rottamazione per chi acquista un veicolo usato che abbia un’immatricolazione successiva all’EURO 3. In questo modo toglieremmo dalla strada auto che oltre ad essere inquinanti sono anche pericolose in quanto hanno sistemi di sicurezza di livello inferiore a quelle più recenti con un beneficio anche sociale.

MULTE EUROPEE

L’ACEA, l’European Automobile Manufacturers Associationan ha scritto una lettera al Presidente della Commissione UE Ursula Von Der Leyen chiedendo di sospendere le sanzioni alle Case auto che superano i livelli di emissioni di CO2 a partire dal 2020 a 95 g/km, 80 g/km a partire dal 2025 e addirittura 59 g/km entro il 2030. Le sanzioni sono di 95 euro per ogni grammo di CO2 in eccesso per ogni autoveicolo venduto.

PRO MOBILITA'

Per facilitare la mobilità personale nel periodo del COVID-19, i Comuni dovrebbero per un anno:
- Abolire le zone ZTL a pagamento;
- Abolire il pagamento sulle strisce blu.

TASSE DA TOGLIERE

Il settore dell’auto paga una serie di tasse allo Stato che andrebbero riviste:
- Abolire il superbollo sulle auto di potenza superiore ai 185 Kw imposto il 6 dicembre 2011;
- Ridurre le ACCISE sui carburanti.

Automotive Lab, a giugno il convegno

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi