MiMo e Indy Autonomous Challenge, accordo per le Indy autonome a Monza

MiMo e Indy Autonomous Challenge, accordo per le Indy autonome a Monza

L'evento diffuso di Milano e Monza ha siglato una partnership con l'organizzatore americano di gare di vetture autonome: appuntamento a giugno

di Redazione

5 gennaio

La prossima edizione del MiMo, il salone dell'auto di Milano e Monza, porterà con sé un'importante novità legata al motorsport e alla guida autonoma. In occasione del CES di Las Vegas, infatti, l'organizzazione dell'evento lombardo ha stretto un accordo con Indy Autonomous Challenge, la competizione di vetture da corsa senza pilota che sta sempre di più catalizzando l'attenzione dei media e degli appassionati di tecnologia. Nel 2023, le vetture autonome scenderanno in pista anche a Monza, proprio in occasione del MiMo, dando così la possibilità agli spettatori presenti in Autodromo di vedere dal vivo queste velocissime vetture senza pilota.

Stellantis si prende aiMotive per sviluppare la guida autonoma

Le Indy autonome pronte a scendere in pista a Monza

L'obiettivo di Indy Autonomous Challenge è quello di sviluppare la guida autonoma applicata alle vetture da corsa, stimolando la competizione tra le università di tutto il mondo. Tra cui il Politecnico di Milano, con una squadra guidata dal prof. Sergio Savaresi, che nella gara andata in scena lo scorso novembre al Texas Motor Speedway di Dallas è riuscita ad affermarsi sulle avversarie. Le auto utilizzate per la competizione sono monoposto Dallara della categoria Indy Lights, con 450 cavalli di potenza, uguali per tutte le squadre. A cambiare è l'algoritmo per la guida autonoma sviluppato da ciascuna università, ovvero il “cervello” del pilota virtuale che gestisce volante, freno e acceleratore. Sorprendenti le capacità dell'intelligenza artificiale, capace di spingere la vettura fino a 280 km/h.

Dopo le esperienze negli Stati Uniti, le vetture autonome arriveranno anche in Italia, grazie all'accordo tra Indy Autonomous Challenge e MiMo. L'appuntamento è dal 16 al 18 giugno 2023, in occasione della prossima edizione del salone diffuso di Milano e Monza, il cui Autodromo ospiterà per la prima volta le Indy senza pilota. Un'esibizione destinata a diventare qualcosa di più dal 2024: nell'edizione dell'anno prossimo è infatti prevista una competizione 1 contro 1 a eliminazione, dando vita a una vera e propria gara tra vetture senza pilota. Una nuova attrazione che si aggiungerà al fitto calendario di eventi e alle numerose vetture in esposizione che arricchiscono ogni edizione del MiMo, tra supercar, auto da corsa, ibride ed elettriche.

MiMo e Indy Autonomous Challenge, l'accordo a Las Vegas

L'accordo tra MiMo e Indy Autonomous Challenge è stato firmato nella giornata dedicata alla stampa del CES di Las Vegas, il salone dedicato all'elettronica e alla tecnologia in scena da oggi fino a domenica 8 gennaio nella città americana. A siglare la parnership, il presidente di MiMo, Andrea Levy, e Paul Mitchell, presidente di Indy Autonomous Challenge.

“Indy Autonomous Challenge all’interno del MiMo incarna perfettamente l’anima di un’edizione che sarà totalmente dinamica, un calendario di 3 giorni dedicato allo spettacolo, alle prove su strada, alle sfilate di auto incredibili – ha spiegato un entusiasta Andrea Levy - MiMo 2023 promuove la conoscenza e la diffusione delle nuove tecnologie in tutti gli ambiti di ricerca. La pista Formula 1 e le antiche sopraelevate che useremo per i test drive saranno il palcoscenico di una gara Formula Indy speciale, con monoposto a guida autonoma, per la prima volta impegnate in un circuito tecnico con curve e chicane. Monza sarà la sede di una sfida incredibile tra le migliori università e centri di ricerca di tutto il mondo”, ha spiegato il presidente di MiMo.

Indy Autonomous Challenge è entusiasta di collaborare con MiMo per portare in Italia nel 2023 e nel 2024 i veicoli autonomi più veloci al mondo e alcune delle menti migliori e più brillanti nel campo dell’intelligenza artificiale, della robotica e dell’automazione – ha aggiunto Paul Mitchell - Dopo aver gareggiato a Indianapolis, nell’ovale più famoso al mondo, è giusto affrontare il circuito stradale più famoso del mondo, lo storico Autodromo Nazionale Monza. Al di là dell’entusiasmo del pubblico, che durante MiMo sarà testimone delle auto da corsa guidate da robot, gli insegnamenti di questa sfida miglioreranno le prestazioni dei sistemi autonomi e ADAS ad alte velocità che possono ridurre gli incidenti stradali e salvare vite umane” ha detto il presidente di Indy Autonomous Challenge.

Gli eventi di Monza del Giugno 2023 e 2024 saranno un momento storico: per la prima volta Indy Autonomous Challenge esce dagli USA, e i partecipanti, dopo le gare sui circuiti ovali americani, si cimenteranno su un circuito stradale – ha infine spiegato il prof. Sergio Savaresi, docente di Automazione nei veicoli del Politecnico di Milano - Lo storico e prestigiosissimo circuito di Monza è la cornice ideale per questo salto di livello di questa iconica competizione, e consentirà un importante passo in avanti nello sviluppo della tecnologia dell’auto autonoma, una tecnologia estremamente complessa che sara? alla base della rivoluzione della mobilita? nei prossimi decenni ha concluso Savaresi.

Mercedes Classe S parcheggia da sola e senza guidatore: è realtà

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi