Nel clima di incertezza che sta prendendo piede negli ultimi giorni nell'automotive a causa del Coronavirus (come il crollo del mercato auto anche in Italia e la digitalizzazione del GIMS) , c’è chi non si arrende, e a poche settimane dall’apertura prevista il 10 aprile, gli organizzatori del Salone di New York hanno confermato attraverso una nota che l’evento si terrà regolarmente: “Stiamo andando avanti con i piani per aprire lo spettacolo come previsto. Siamo in comunicazione con i funzionari statali e locali e il Jacob K. Javits Convention Center e, a questo punto, non ci sono piani per annullare eventuali spettacoli presso la struttura”.

TUTTO PRONTO PER NEW YORK 2020

Con la cancellazione del Salone di Ginevra, quindi, il NYIAS diventerà il primo evento internazionale dedicato ai motori. Javits Center e Auto Show stanno adottando tutte le misure precauzionali del caso, fornendo il massimo dell’impegno per tutelare la salute e il benessere di visitatori, clienti, dipendenti e partner commerciali.

Nel periodo prima dell’inaugurazione del salone, i responsabili del Javits Center - il centro congressi dove si svolgerà l'evento - hanno fatto installare moltissime dispense per la sanificazione delle mani, aumentato e intensificato la pulizia delle aree più frequentate e ampliato la squadra di paramedici per garantire la buona riuscita del salone in tutta la sua interezza. Misure precauzionali adottate anche da Auto Show, che ha dato il via all’ampliamento degli standard di pulizia e lucidatura dei veicoli esposti. Alla luce del coronavirus, tutti gli sforzi sono protesi verso la conferma di un evento che ogni anno richiama l’attenzione di tantissimi visitatori, senza tralasciare nessun dettaglio verso la salvaguardia della salute degli stessi.

Sembrerebbe tutto pronto, dunque, per il primo salone internazionale dedicato al mercato dell’automotive. In un momento come questo, c’è ancora chi non si arrende di fronte alla bellezza delle quattroruote, anche se resta la preoccupazione sui controlli e sulle possibili restrizioni su visitatori e personale delle aziende provenienti da Europa e Oriente

Volkswagen ID.4, il suv elettrico atteso a New York