Car of the YearOrganizzatore italiano del premio
The Car of the Year

Assicurazioni? Meglio su misura! Ecco l'inchiesta di Auto.it

Assicurazioni? Meglio su misura! Ecco l'inchiesta di Auto.it

Quanto costa l'RC Auto in Italia e come stipulare una buona polizza? Quali insidie nasconde la copertura assicurativa online? Ecco tutte le risposte

di Roberto Gurian

28 maggio

Quando si parla di assicurazione obbligatoria dei veicoli a copertura della Responsabilità Civile (RC), in molti pensano a come risparmiare il più possibile. Sottoscrivendo dunque delle polizze al più basso costo offerto, quasi sempre senza considerare i risvolti e i rischi che si corrono con coperture che in caso di incidente si possono rivelare anche ampiamente insufficienti. Secondo il parere degli esperti, una polizza assicurativa è come un vestito, che si deve studiare su misura delle esigenze dell'utilizzatore in base ai parametri che la compongono.

COSTI IN DIMINUZIONE, TARIFFE IN ITALIA ELEVATE

La ricerca del prezzo più basso possibile e la disponibilità di polizze low cost è confermata anche dalle statistiche redatte dall'IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni). Secondo queste ultime, il prezzo medio di una polizza RCA in Italia è sceso dai 403,5 euro di fine 2019 a 379 euro alla fine del 2020. Al termine del 2014 la media era di 475,2 euro, con una tendenza a scendere ininterrotta da allora. Il calo del 6,1% nel 2020 è comunque considerato ridicolo da parte di alcune organizzazioni di consumatori come Assoutenti, che sottolineano come la riduzione delle tariffe non corrisponda a una diminuzione degli incidenti che ha raggiunto il 35% tra marzo e novembre e addirittura il 40% nel periodo tra gennaio e giugno, ovviamente con la complicità delle limitazioni indotte dalla crisi sanitaria. L'associazione rimarca inoltre i costi delle polizze per neopatentati, che superano i 1.000 euro in province come quella di Massa Carrara oppure di Napoli.

COME STIPULARE UNA BUONA POLIZZA

Preferire la polizza meno cara in assoluto, quella con la migliore offerta non rappresenta la scelta ideale se si vuole stare tranquilli. Secondo le leggi italiane, il massimale minimo di risarcimento è pari a 6.070.000 euro per le persone e a 1.220.000 euro per le cose. Sembrano cifre elevate, ma alla fine possono rivelarsi insufficienti per la copertura dei danni provocati da un incidente davvero molto grave. Il primo consiglio è dunque quello di investire senza indecisione qualche decina di euro in più per aumentare il massimale, rendendolo inoltre unico anziché diviso in parti separate. Ovviamente anche in funzione delle caratteristiche del mezzo utilizzato (un veicolo più pesante può potenzialmente causare più danni in caso di sinistro) e dell'uso che se ne fa, è consigliabile salire anche a 11-12 milioni di massimale.

Auto post quarantena: tutto su scadenze e pagamenti dei documenti di circolazione

L'APPOGGIO DI UN CONSULENTE

Detto dei massimali, l'aiuto di un assicuratore è di fondamentale importanza per sottoscrivere quella che si può definire una buona polizza. Che comunque va poi riletta paragrafo per paragrafo dato che quasi sicuramente anche il consulente non ha il tempo per leggerla tutta sino in fondo. Sono molte le coperture aggiuntive che si possono sommare a quella di base rappresentata dalla RC. Certamente consigliabili possono essere quella per l'assistenza stradale, di cui abbiamo parlato nel numero scorso di Auto, e la tutela legale con appoggio di un avvocato per ogni eventuale questione di questo tipo. La diminuzione del numero dei furti può far propendere per qualche risparmio su questo tipo di copertura, mentre forse è divenuta più importante l'assicurazione contro i danni derivati da eventi naturali, vista la maggiore frequenza di grandinate a volte devastanti.

SU MISURA PER L'AUTO

La tipologia del veicolo e il suo stato di utilizzo possono consigliare coperture aggiuntive disponibili. Esiste infatti la possibilità di rimborso dei pezzi di ricambio e può essere utile fornire, al momento di stipulare la polizza, un dettagliato elenco degli optional a bordo allegando la fattura di pagamento del mezzo. Se l'auto comincia ad avere qualche anno e molti chilometri percorsi c'è inoltre l'opzione di fruire di una garanzia sui guasti meccanici che integra o prolunga quella offerta dal concessionario al momento della vendita del veicolo. Il ventaglio dei servizi assicurativi si sta allargando ed è bene prenderli tutti in considerazione. Così come pensare ad almeno una kasko parziale che copre i danni derivanti da eventi naturali, collisioni con animali selvatici, lesioni alle superfici vetrate e altro come attacchi da parte dei roditori a cavi.

ATTENZIONE ALLE RIVALSE

Particolare attenzione va in ogni caso posta alle rivalse. La rivalsa, ossia il diritto della compagnia di richiedere all'assicurato il rimborso di danni già risarciti a persone e cose, è quasi sicuramente previsto con le polizze meno care. La serie di condizioni che autorizza al diritto di rivalsa è lunga e ovviamente variabile a seconda della polizza stipulata. La più comune condizione che permette la rivalsa da parte della compagnia è la guida in stato di ebbrezza per effetto di alcool e/o stupefacenti. Tra le altre possiamo citare la mancata autorizzazione alla guida, il dolo dell'assicurato, la guida di un veicolo non revisionato e l'utilizzo dell'auto in corse automobilistiche o comunque in pista. Per evitare il diritto di rivalsa da parte della compagnia assicurativa serve un ulteriore esborso e, in ogni caso, la stipula di una polizza che specifica questa eventualità. È dunque imperativo leggere per filo e per segno le condizioni che autorizzano il diritto di rivalsa e, nel caso, rivederne il costo per evitarlo completamente.

ONLINE UN RISPARMIO CON MOLTE INCOGNITE

La disponibilità di più economiche offerte in rete sta facendo aumentare, come abbiamo visto, il numero delle polizze stipulate attraverso le pagine dedicate delle compagnie assicurative. Si può partire da molti siti, che potremmo definire generalisti, che analizzano le svariate offerte. Tra i più importanti segnaliamo www.facile.it, www.segugio.it, www.assicurazione.it, www.6sicuro.it, www.chiarezza.it, www.sostariffe.it. La caccia al prezzo più basso nasconde comunque certamente delle insidie, con coperture ridotte al minimo e la probabile presenza del diritto di rivalsa di cui abbiamo parlato nell'articolo. Oltre al prezzo ridotto, la polizza sottoscritta online offre il vantaggio di poterla stipulare comodamente da casa e in qualunque momento. Tra gli ulteriori svantaggi segnaliamo invece la rinuncia all'assistenza diretta dell'agenzia e la consulenza di uno specialista in grado di preparare preventivi ritagliati sulle esigenze del cliente. L'appoggio diretto di un'agenzia assicurativa garantisce infine una migliore assistenza se si devono ottenere dei risarcimenti.

(si ringrazia per la consulenza Marco Bedoni di Assicusio)

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi