Bentley Speed Six Continuation, 90 anni dopo torna in vita

Bentley Speed Six Continuation, 90 anni dopo torna in vita

I collezionisti hanno esaurito l'allocazione di esemplari che Bentley andrà a produrre. Dodici Speed Six nelle specifiche del modello da corsa schierato a Le Mans 1929

24 giugno

Un tuffo indietro nel passato, Bentley riavvolge il nastro dei ricordi e torna per un istante al 1929 e al 1930. Al Festival di Goodwood annuncia 12 esemplari unici, fedelissime produzioni firmate Mulliner, "continuation" della produzione Bentley Speed Six. 

Aderenti alle specifiche delle versioni da corsa, impiegate e vittoriose a Le Mans nel 1929, poi nel 1930, dalla seconda metà di quest'anno verranno realizzati gli esemplari già tutti prenotati.

Bentley Speed Six simbolo della Grand Tourer

Si tratterà di dare vita a quelle che al tempo erano considerate gran turismo. Auto veloci, comfortevoli, in grado di coprire lunghe distanze e rapidamente. Come? Con un motore sei cilindri in linea da 6,6 litri. La specifica oggetto della produzione a proseguire il percorso abbandonato nel 1930 prevede 202 cavalli dall'unità benzina con due carburatori SU. La velocità massima è di 170 km/h.

Dopo aver creato gli esemplari moderni, fedeli repliche della Bentley Bowler, gli artigiani del reparto Mulliner lavoreranno sulle 12 Speed Six, più una che resterà nella disponibilità della casa di Crewe.

Dove possibile, la produzione conserverà metodi e strumenti di assemblaggio come se non fossero passati oltre 90 anni dal tempo in cui le Speed Six calcavano la scena.

Speed Six, un nome più telai

Un progetto protagonista tra il 1928 e il 1930, in più configurazioni di telaio, per ampiezza del passo. Ben 3,87 metri la misura più lunga, superiore alle soluzioni da 3,57 e 3,50 metri. Fu, però, una Bentley Speed Six più "snella", da 3,35 metri, a partecipare alle corse come la Le Mans. Su questa specifica si baserà la "continuation". 

Strumenti della modernità sono stati impiegati per ricostruire fedelmente specifiche e processi degli esemplari degli anni Venti. Una ricostruzione computerizzata è stata creata attingendo sia a documenti di progetto del tempo, sia analizzando la "Old Number 3", ovvero, il terzo esemplare dei tre che corsero la 24 Ore di Le Mans del 1930. Quella Bentley Speed Six è ancora in perfetto stato di conservazione, omologata stradale e regolarmente utilizzata dal proprietario.

Per mettersi al volante di una moderna Speed Six come se fosse uscita dalla fabbrica Bentley (qui trovi i modelli sul mercato dell'usato) nel 1930, i 12 collezionisti hanno sborsato ciascuno 1,75 milioni di euro. Questo il prezzo, al cambio attuale, per un esemplare della serie Speed Six Continuation.

Bentley Speed Six Continuation

Bentley Speed Six Continuation

Le Continuation sono produzioni che riallacciano il filo con il passato. Bentley propone la Speed Six del 1929 e 1930, configurazione Le Mans, in 12 esemplari a 1,75 milioni di euro ciascuno

Guarda la gallery

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi