Abarth 500 verso l'elettrica con una celebrazione dei record di Monza 1958

Abarth 500 verso l'elettrica con una celebrazione dei record di Monza 1958

A Milano AutoClassica, Heritage Stellantis a realizzato un esemplare unico (in vendita) su base Fiat 500 1970: Abarth Classiche 500 Record Monza '58

10 giorni fa

Mentre lo Scorpione si appresta ad aprire un nuovo capitolo, inedito, con Abarth 500e, c'è una storia antica, rimasta nell'immaginario collettivo degli appassionati, da celebrare. Millenovecentocinquantotto, Monza, una settimana di febbraio nella quale Carlo Abarth ottenne 6 primati di velocità e durata con le elaborazioni su base 500.

A Milano AutoClassica, frutto del lavoro di Heritage Stellantis - accanto all'originale Nuova 500 Abarth Record 1958 e all'interpretazione moderna Abarth Classiche 1000 SP - è stata esposta una one-off, esemplare unico, di Abarth Classiche 500 Record Monza '58.

Abarth Classiche 500 Record Monza '58

Abarth Classiche 500 Record Monza '58

Fedele nelle soluzioni tecniche alla Nuova 500 1957 elaborata da Carlo Abarth per i record di velocità a Monza nel 1958, da Heritage Stellantis ecco un esemplare omaggio a quella storia. Su base 500 1970, monta il motore 595 elaborato con la Cassetta di trasformazione Abarth del 1963

Guarda la gallery

Come la Abarth '58 ma su base 500 1970

Diversamente dalla Nuova 500 nasce su base Fiat 500 del 1970, dettaglio evidentissimo da particolari come le portiere incernierate davanti, le frecce gialle e molti altri dettagli tipici della Fiat 500 1970.

Il lavoro della divisione Heritage Stellantis è in vendita, come altri progetti specialissimi catalogati come Reloaded by Creators. Un esemplare unico, in tinta verde Monza '58, colore recentemente portato nell'applicazione moderna della 695 70° Anniversario.

All'interno, come l'esemplare del record a Monza - circuito che festeggia i 100 anni di storia quest'anno -, sedile singolo per contenere il peso, volante in legno, pavimento spoglio da rivestimenti. 

L'attenzione all'aerodinamica portò Carlo Abarth - così come il restomod Heritage Stellantis - a sostituire la capote in tessuto con una cover rigida.

Auto Speed Date: La passione per l'auto d'epoca non muore mai

Auto Speed Date: La passione per l'auto d'epoca non muore mai

L'elettrico si accende, ma non soffoca i sentimenti che auto d'epoca e youngtimer suscitano negli appassionati. E a testimoniarlo sono i dati dei saloni di Padova e Milano. Il punto con il direttore Andrea Brambilla

Guarda il video

Il motore elaborato con la Cassetta del 1963

Il motore è il bicilindrico elaborato a 595 cc e in grado di spingere la Abarth 500 a 118 orari di velocità massima; un propulsore ricreato con la tecnologia moderna ma sulle specifiche che furono della "cassetta" di trasformazione Abarth (qui trovi i modelli sul mercato dell'usatodel 1963.

Altri dettagli che richiamano il 1958 e l'esemplare del record di velocità a Monza (118 km/h raggiunti grazie ai 26 cavalli del 595), il rivestimento del sedile in tessuto e cadenini a contrasto nell'abbinamento della Fiat 500 del 1957. Accanto alla strumentazione Jaeger, poi, un orologio a carica da 8 giorni, richiamo alla settimana di febbraio '58 che portò i 6 record Abarth a Monza.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi