Top 5 Alfa Romeo, le auto più iconiche del Biscione

Top 5 Alfa Romeo, le auto più iconiche del Biscione

Le Alfa Romeo che hanno fatto la storia, dalla 24 HP del 1910 alla recente Giulia GTA, senza dimenticare icone come 33 Stradale, Montreal e 8C Competizione

di Gianluca Guglielmotti

19 giugno

Alfa 33 Stradale (1967-1969)

Proseguiamo con la celebre Alfa Romeo 33 Stradale, coupé derivata dalla Tipo 33 da competizione e considerata una delle automobili più belle di sempre. Progettata da Autodelta, disegnata da Franco Scaglione e realizzata dalla Carrozzeria Marazzi, la sinuosa sportiva fu costruita in soli 18 esemplari. Caratterizzata da linee pulite ed elementi iconici come le portiere a farfalla, con ampie vetrature che si estendono fino al tetto, la 33 Stradale era spinta dallo stesso propulsore V8 in alluminio e magnesio da 2,0 litri delle versioni da corsa , depotenziato da 270 a 230 CV (grazie alla riduzione del rapporto di compressione) per ottimizzare l’erogazione nell’utilizzo su strada e abbinato a trasmissione manuale a sei marce. Anche il telaio in lega leggera ad H asimmetrica era strettamente derivato dalla Sport Tipo 33, anche se la parte centrale è stata allungata di 100 millimetri per aumentare l’abitabilità interna. Grazie al lavoro di contenimento delle masse (anche la carrozzeria è interamente in Peraluman H35, lega di alluminio e magnesio) la 33 Stradale fermava l’ago della bilancia a soli 690 kg. Ciò garantiva prestazioni impressionanti per l’epoca: 0-100 km/h in 5,6 secondi (in realtà, pare che il tempo di accelerazione fosse inferiore ai 5 secondi) e 260 km/h di velocità massima. Interessante la splendida replica realizzata lo scorso anno dalla torinese Manifattura Automobili Torino.

L'articolo continua nella prossima scheda

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi

Auto, copertina del meseAuto, copertina del meseAuto, copertina del mese