Mercedes GLC 250 d, prova su strada

Mercedes GLC 250 d, prova su strada
Prestazioni brillanti associate a consumi piuttosto contenuti. Abitacolo ben vivibile e curato

di Lorenzo Facchinetti

24 gennaio 2016

Rilevamenti e Tecnica

Mercedes GLC 250 d, prova su strada

La scocca della GLC pesa 50 kg in meno rispetto a quella della GLK, grazie al mix fra alluminio e acciai ad alta resistenza. L’alluminio è presente anche in larga parte nei rinnovati schemi sospensivi, che prevedono più raffinati quadrilateri anteriori e un multilink a cinque bracci posteriore.

Inoltre, la GLC è l’unica di questa categoria a poter disporre, come optional, delle sospensioni pneumatiche. E sempre in tema di accessori, da segnalare il pacchetto Off Road che, in combinazione con le pneumatiche, offre quattro programmi di guida aggiuntivi che modificano automaticamente altezza e taratura dei sistemi elettronici in base al terreno.

Il propulsore è il noto 2.1 diesel da 204 cv e 500 Nm che viene abbinato al nuovo cambio automatico 9G-Tronic, che grazie alla scatola in magnesio pesa 12 kg meno del precedente 7G-Tronic.

  • Link copiato

Mercedes GLC 250 d, prova su strada

Torna su

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi

Auto, copertina del meseAuto, copertina del meseAuto, copertina del mese