© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's
© RM Sotheby's

1 di 31

Questo è il primo prototipo della Ferrari LaFerrari

Quello che state vedendo è un’hypercar in potenza. Un embrione. La casa d’aste RM Sotheby’s ha messo all’incanto il primo muletto della Ferrari LaFerrari la straordinaria V12 ibrida di Maranello presentata nel 2013. La vettura che all’epoca aveva sfidato la McLaren P1 e la Porsche 918 è stata la massima espressione di ciò che il Cavallino Rampante era in grado di fare all’epoca. Lo sviluppo delle componenti tecniche su strada, incredibili a dirsi, è iniziato sul corpo di una 458. Questo che vedete in foto è conosciuto come M6 ed è stato usato tra il 2011 e il 2012 per testare freni, sterzo, sospensioni, la prima applicazione dell’ESP e delle componenti ibride del power train. Un pezzo unico dalla valutazione inestimabile
  • Link copiato

Da non perdere

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi