Nuova Mercedes Classe E, verso il 2023 con una sobria evoluzione

Nuova Mercedes Classe E, verso il 2023 con una sobria evoluzione

I muletti della nuova generazione rivelano proporzioni più fluide in coda e dettagli rinnovati. Classe E 2023 sarà anche ibrida plug-in e ha quota 100 km di autonomia quale obiettivo dichiarato

7 febbraio

Simbolo d'eleganza nel segmento E, quello delle grandi berline apprezzate dal mondo business come da un pubblico di estimatori della sobrietà, nuova Mercedes Classe E prepara la prossima generazione.

L'avvistamento di un muletto con la carrozzeria definitiva, nel video diffuso su YouTube da WalkoArt, anticipa alcune delle soluzioni di stile che, per forza di cose, rappresentano affinamenti di un'impostazione nota.

Motori, a tutto ibrido plug-in

Per forza di cose poiché l'evoluzione più "dinamica" nel look prodotta dalle ultime due generazioni non richiede stravolgimenti. Se nuova Classe E seguirà le orme della più piccola Classe C, allora scopriremo una nuova formula della sportività AMG, che dirà addio al motore V8 per far posto al quattro cilindri ibrido plug-in (leggi gli sviluppi in Europa su consumi, ciclo WLTP e ibride plug-in). Di certo, sotto al cofano, andrà il meglio della tecnologia ibrida plug-in con ambizioni di autonomia in elettrico oltre i 100 chilometri.

È una soglia già raggiunta da nuova Classe S e da nuova Classe C, inevitabilmente vi approderà anche la E serie W214, il cui debutto potrebbe avvenire sul finire di quest'anno. L'uscita sul mercato è da procrastinare, invece, al 2023.

Design, addio tre volumi canonici?

Con quali novità? Il muletto rivela la presenza di maniglie a filo, un accenno di spigolosità sul tre quarti posteriore, esteso alla portiera. I fari posteriori confermano lo sviluppo orizzontale odierno, sebbene con spigoli più accentuati. È il volume posteriore sul quale concentrare più di altre angolature le attenzioni.

LEGGI ANCHE - Mercedes-AMG, il V8 resterà ancora a lungo sulla scena

Il disegno tra lunotto e volume del bagagliaio sembra indirizzare verso proporzioni fluide dei tre volumi. Una coda che si abbassa seguendo l'angolazione del lunotto molto più di quanto non avvenga sull'attuale Classe E, costituisce una novità sostanziale delle proporzioni. Non siamo certo sul mondo CLS ma per filosofia c'è un richiamo a quelle linee.

Del frontale va detto come i gruppi ottici seguiranno il solco di stile delle più recenti Mercedes, si andrà verso forme simil-triangolari, abbandonando le abbondanti rotondità del modello attualmente sul mercato. 

Scontato dire di contenuti tecnologici a bordo avanzatissimi e di un livello di assistenza alla guida destinato a essere di automazione di Livello 3, perlomeno nelle capacità del sistema.

Mercedes-AMG GT 63 S E Performance, al via le vendite della super ibrida

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi