Mercedes EQE, il piacere della guida elettrica in formato classico

La nuova berlina tedesca ha una batteria da 90,56 kWh e, in versione 350+, assicura oltre 600 km di autonomia con una carica

di Cesare Cappa

13 maggio

Seconda in ordine di successione nella gerarchia delle nuove ammiraglie elettriche marchiate Mercedes, la nuova EQE è l'evoluzione allo stato classico. La vettura nasce sulla nuova piattaforma EVA, sviluppata appositamente per le vetture 100% elettriche. A breve debutterà un nuovo Suv su tale pianale, più piccolo rispetto al recente EQS SUV, e di fatto stretto parente della berlina EQE. Sebbene il termine di berlina possa rimandare a qualcosa appartenente a tempi lontani, la nuova punta di diamante della Stella a tre punte assicura una prospettiva diversa rispetto all'universo elettrico, proponendesi come ammiraglia per la vita quotidiana di chi passa più tempo in auto che a casa.

Mercedes EQE, l'ammiraglia elettrica con oltre 600 km di autonomia

Mercedes EQE, l'ammiraglia elettrica con oltre 600 km di autonomia

Sorella minore, ma solo di poco, della EQS, la EQE offre tecnologia, comfort e un'elevata autonomia grazie alle batterie capienti e a un'elevata efficienza

Guarda la gallery

Ma quanta strada?

Stazioni di ricarica rapida permettendo, l'idea promossa da EQE sembrerebbe realizzabile. Questo grazie ad un pacco batteria da 90,56 kWh che, nella versione 350+ (quella che abbiamo testato), alimenta un solo motore elettrico – sull'asse posteriore – e assicura un'autonomia complessiva di 654 km (stando a quanto dichiarato). Dopo una giornata spesa in autostrada, senza però aver avuto ancora modo di testare la vettura in maniera approfondita, possiamo affermare che i 500 sono alla portata (partendo dalla massima carica) senza prestare neppure troppa attenzione allo stile di guida. Un passo avanti verso l'elettrificazione di massa che questa volta sembrerebbe partire da una base più consistente. Certo ricaricare in corrente alternata 90 e passa kWh, per quanto difficilmente si parta dallo 0%, non sempre risulta essere comodo (e ovviamente rapido). Mentre per la super ricarica bisogna avere la fortuna, e forse anche la pazienza, di trovare un colonnina di quelle rapide. La EQE è capace infatti di assorbire sino a 170 kW di potenza in corrente continua. Dinamiche di cui oggi è ancora necessario tenere conto, per non trovarsi nelle canne.

Piacevolmente minimale

Esteticamente la nuova vettura Mercedes sembra davvero una EQS in formato ridotto, nonostante i quasi 5 metri di lunghezza. A bordo la disponibilità dell'impianto Hyperscreen è stata solo rimandata di qualche tempo. La disposizione dei comandi e la scenografia grafica, è similare a quella della nuova Classe C per intenderci, che a sua volta prende spunto dalle sorelle più grandi. L'ambiente è minimalista, ma per nulla povero di contenuti. Anzi diventa fondamentale un approccio graduale all'impianto multimediale per non rischiare di perdersi in qualche meandro della scienza e della tecnica. Se siete della nuova generazione di driver Mercedes il gioco è più semplice. Ciò detto lo spazio degli occupanti è in linea con il blasone della vettura, che si spende perfettamente come la “nuova Classe E elettrica”. Come asserito poc'anzi la vettura protagonista di questa prima presa di contatto è stata la versione 350+ a trazione posteriore da 296 cavalli. Se bramate qualcosa di ancora più performante, mettetevi in lista per la variante AMG di EQE, capace invece di 476 cavalli e provvista di due motori elettrici (uno per asse) e quindi di trazione integrale 4Matic. Ma se invece puntate alla parsimonia, prossimamente sarà disponibile la EQE 300+, un po' meno brillante però attenta ai consumi di energia.

Mercedes EQS Suv, come un'ammiraglia ma a tutto spazio

Mercedes EQE, soprattutto comoda

Quanto alla “nostra” EQE, lo scenario autostradale in cui abbiamo avuto modo di guidarla non è stato sufficiente per carpirne le vere qualità dinamiche. Una cosa non si discute: il comfort è di assoluto livello. Una dote “classica” per una Mercedes così moderna. L'erogazione è sempre progressiva, mai violenta, neppure nei modi di guida più sportivi. Un vero salotto in movimento. Lo sterzo è leggero, ma il dritto dell'autostrada non fornisce il giusto feedback per dare maggiori indicazioni. Il silenzio la fa da padrone, disturbato alle velocità più alte dai fruiscii aerodinamici (il Cx della vettura è pari a 0,22). Di serie le ruote lungo l'asse posteriore possono ruotare sino a 5 gradi. Volendo, a pagamento, si può sbloccare il sistema che consente una rotazione sino a 10 gradi. Dettagli che però lungo una strada piena di curva, o anche solo nel traffico urbano, possono fare la differenza. La versione Lunch Editon di EQE 350+ parte da 93.017 euro. Un divario importante di prezzo da una potenziale rivale interna come la Classe E, compensato però da costi di gestione decisamente più bassi.

Mercedes, tutti i modelli sul mercato dell'usato

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi