Toyota bZ4x e Subaru Solterra, l’elettrico che stupisce anche in off-road

bZ4X e Solterra, una vettura due nomi: realizzata in partnership tra Toyota e Subaru raggruppa il meglio della tecnologia di entrambi i brand

di Andrea Brambilla

9 novembre

Nasce dalla collaborazione tra Toyota e Subaru il nuovo Suv elettrico chiamato bZ4X (Toyota) e Solterra (Subaru). Una vettura che coniuga quindi la massima esperienza da parte di entrambe le Case giapponesi. Infatti se Toyota ha apportato al progetto tutta la sua esperienza nell’elettrificazione e la piattaforma dove è realizzata, la eTNGA; Subaru ha invece lavorato sulla trazione integrale. Il risultato è una vettura che ci ha permesso, con gomme normali e non tassellate, di affrontare guadi e situazioni di fuoristrada che normalmente eravamo abituati a superare con vetture nate per questi percorsi. La differenza tra la bZ4x (sigla che significa Beyond Zero ed identifica i veicoli full electric Toyota), o Solterra è solamente il frontale, più “morbido” nelle linee quello di Subaru, più legato a un design di altri modelli quello di Toyota, per il resto le vetture, interni compresi, sono identiche.

Toyota bZ4X, il Suv elettrico a batterie

Toyota bZ4X, il Suv elettrico a batterie

Sarà presentato in anteprima europea il 2 dicembre: l'autonomia è di 450 km, il motore da 150 kW con trazione integrale. Il tetto a pannelli solari aumenta la carica del modello, che si svela nelle linee pulite, ribassate e allungate con un frontale "hammerhead"

Guarda la gallery

Subaru e Toyota, uguali ma diverse

Ci sono però delle scelte tecnologiche che hanno fatto le due Case costruttrici. Infatti se la Subaru è disponibile solo a trazione integrale, la Toyota è offerta anche con la sola trazione anteriore e prossimamente anche con il sistema di guida “steer-by-wire” che significa infatti letteralmente “sterzata via cavo”, ovvero il volante è sostituito da una cloche e saranno dei motori elettrici a sterzare le ruote, non un sistema con piantone e cremagliera. Il vantaggio è che a seconda della velocità con il medesimo movimento della cloche le ruote ampliano o diminuiscono il raggio di sterzata, in questo modo manovre a bassa velocità come i parcheggi o curve molto strette si possono compiere senza spostare la mani sul volante…cloche.

Dimensioni e motori importanti

L’auto è un Segmento D lunga 4,69 metri, larga 1,86 metri, alta 1,65 metri e con un passo di 2,85 metri. La motorizzazione avviene, per il modello a trazione integrale, con due propulsori, uno per asse da 80 kW, per una potenza complessiva di 218 cv e 336 Nm di coppia. La versione a trazione anteriore, solo la Toyota bZ4x ha un solo motore anteriore elettrico da 150 kW (204 cv) e una coppia di 265 Nm. Per entrambe le soluzioni la vettura ha una velocità massima autolimitata a 160 km/h, mentre l’accelerazione da 0 a 100 km/h della versione integrale è di 6,9 secondi.

La nuova piattaforma su cui viene realizzata la vettura, la eTNGA, e la sottile unità della batteria, situata interamente sotto il pianale del veicolo facendo parte del telaio, permette di ottenere un baricentro basso della vettura e un bilanciamento ideale dei pesi anteriore/posteriore, 50/50 nella trazione integrale, e un'elevata rigidità della struttura stessa. L’autonomia dichiarata è di circa 470 km per la versione a trazione integrale e 516 per la trazione anteriore. Per quanto riguarda i consumi le case hanno dichiarato circa 16 kWh ogni 100 km per la quattro ruote motrici e 14,3 kWh/100 km per la due ruote motrici.

Toyota bZ3 nasce insieme a BYD e per il mercato cinese

1 di 2

Avanti
  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi