Il Decreto Sostegni Bis, che sarà oggetto di discussione tra i membri del Consiglio dei ministri, potrebbe a breve portare nuovi aiuti economici a lavoratori e imprese.

Tuttavia, nel pacchetto pensato dal Governo del valore complessivo di 40 milioni di euro, sembrerebbe rientrare anche il rifinanziamento di nuovi incentivi da destinare all’acquisto di auto a basse emissioni.

Coprifuoco e Green Pass, ecco le nuove regole sugli spostamenti dal 19 maggio

Rifinanziamento per la fascia 61–135 g/km di CO2

Ancora nulla di certo, ma secondo alcuni rumors il dl Ristori in approvazione prevede al suo interno concrete novità per gli automobilisti e per tutto il settore auto. Infatti, dopo che lo scorso aprile sono andati in esaurimento i vecchi fondi per le immatricolazioni di auto nuove con emissioni tra 61 e 135 g/km di CO2 – si parla di circa 250 milioni di euro previsti dalla Legge di Bilancio -, ecco che ora si fa sempre più concreta la possibilità di un sostanzioso rifinanziamento proprio degli incentivi da destinare per questa fascia di auto. Fascia che comprende modelli con motori benzina e Diesel ma omologati Euro 6.

Già esauriti i 5 milioni stanziati alcuni giorni fa

Una buona notizia per tutto il comparto, perché nonostante il settore abbia subito un duro colpo a causa della pandemia, i vari milioni messi a disposizione per l’acquisto di nuove auto con emissioni ridotte sono andati praticamente sempre a ruba. Calzante resta l’esempio degli incentivi facenti parte del fondo Decreto Rilancio Residuo M1 per la fascia di emissione 0-135 g/km - circa 5 milioni di euro -, che dalla loro attivazione il 13 maggio scorso ad oggi non ne è rimasto più nulla.

Mercato auto, tornano a salire i prezzi del nuovo: stabile l'usato