Ibrido plug-in di PSA, giù la Co2 su gli incentivi

Ibrido plug-in di PSA, giù la Co2 su gli incentivi

L'offerta ibrida plug-in di Citroen, DS, Opel e Peugeot consente di accedere a ecoincentivi fino a 2.500 euro, con l'elettrico a batteria fino a 6.000 euro di vantaggi dall'Ecobonus 2020

di F.P.

14 gennaio 2020

Tante strade portano all’elettrificazione, con il rischio di percepire concetti e soluzioni tecniche diversissimi tra loro quasi come sfumature. Nell’abbattimento delle emissioni inquinanti di Co2, il contributo maggiore, dopo le auto elettriche a batteria, lo offrono le auto ibride plug-in, cioè i modelli la cui batteria è ricaricabile da una presa elettrica ed è in grado di assicurare un’autonomia di marcia di svariate decine di chilometri. 

Auto ibride, i Gruppi del Ministero

È quanto offre il Gruppo PSA, a imboccare la direzione dello sviluppo di un sistema ibrido plug-in oltre 18 mesi fa, relativamente alle proposte oggi sul mercato. Una scelta che porta l’ibrido ricaricabile del gruppo a rientrare nel Gruppo 1 individuato dal Ministero dei Trasporti, con la circolare di classificazione dei veicoli ibridi

Gruppo

Emissioni di Co2

1 – veicoli ibridi plug-in

Pari o inferiori a 60 g/km

2 – veicoli ibridi standard

Tra 60 g/km e 95 g/km

3 – veicoli mild-hybrid

Superiori a 95 g/km

Incentivi auto ibride plug-in

Le ridotte emissioni di Co2 dell’offerta ibrida plug-in dei marchi del Gruppo PSA (29 g/km in fase di omologazione) porta a beneficiare degli incentivi dell’Ecobonus 2020 più vantaggiosi, dopo la soglia riconosciuta ad auto elettriche e con emissioni di Co2 sub-20 g/km.

Sei progetti già ordinabili, in grado di muoversi per diverse decine di chilometri in elettrico, fino a 59 km di autonomia massima: DS7 Crossback e-Tense, Peugeot 508 Hybrid plug-in berlina e station wagon, Peugeot 3008 Hybrid plug-in, Opel Grandland X e Citroen C5 Aircross. L’ampliamento dell’offerta proseguirà fino a comprendere, entro il 2025, una versione elettrificata di ogni modello venduto dai brand del gruppo.

Citroen C5 Aircross ibrida plug-in: foto

Citroen C5 Aircross ibrida plug-in: foto

Dal Motor Show di Bruxelles, Citroen presenta il suv C5 Aircross nella variante ibrida plug-in due ruote motrici. Le prime consegne sono in programma a metà 2020, il sistema ibrido abbina un motore elettrico da 110 cavalli al turbo benzina da 180 cv. 50 km di autonomia in elettrico grazie alla batteria da 13,2 kWh.

Guarda la gallery

Sono i modelli che beneficiano di agevolazioni economiche tra i 1.500 e 2.500 euro (con rottamazione di Euro 1, 2, 3, 4), ai quali sommare i vantaggi legati all’accesso nelle ZTL gratuito o a tariffe ridotte, l’esenzione o riduzione dal pagamento del bollo.

Incentivi auto elettriche

Quanto all’offerta elettrica, con DS3 Crossback e-tense, Opel Corsa-e, Peugeot e-208, Peugeot e-2008, le emissioni zero spingono gli incentivi dell’Ecobonus 2020 (emissioni di Co2 inferiori a 20 g/km) tra i 4.000 a 6.000 euro (con rottamazione), ai quali sommare l’accesso gratuito nelle ZTL, l’esenzione dal bollo e i parcheggi gratuiti sulle strisce blu.

Ecotassa 2020, l'elenco delle auto che dovranno pagare

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi