L'auto elettrificata sarà parte di un cambiamento più ampio, volto a modificare la struttura stessa delle città. Renault lancia la sua gamma di vetture a zero emissioni e ibride puntando sul tema della smart city, ma anche della mobilità post pandemia, fatta di nuovi materiali e tecnologie, ma anche di diverse abitudini. Che includono digitalizzazione ma anche sicurezza e distanziamento.

Emissioni di Co2, Europa verso limiti ancor più stringenti?

Elettrificate a ogni livello

Quello delle auto elettrificate è un mercato in costante ascesa, con numeri che registrano aumenti a doppia – e a volte anche tripla – cifra. Questo fenomeno non coinvolge solo le vetture elettriche, ma anche le ibride, in particolare le plug-in. Nei primi 8 mesi del 2020 in Italia, nonostante la pandemia, le vendite delle vetture elettriche hanno già superato la quota totale dell'anno scorso. Discorso analogo per le ibride plug-in che, complice il calo di vendite delle auto tradizionali, hanno quadruplicato la loro quota di mercato, passando dallo 0,3 all'1,2% del totale. Crescita più corposa, anche se meno eclatante dal punto di vista delle percentuali, per le ibride non plug-in, che hanno raggiunto quota 93.000 nei primi 8 mesi dell'anno.

Renault, una delle prime Case a gettarsi nel mondo delle auto a zero emissioni, ha dato vita a una gamma che copre ogni livello di elettrificazione. In attesa di lanciare ulteriori modelli, la casa francese ha deciso di adottare le tecnologie ecologiche sui suoi modelli più popolare nei segmenti A, B e C. L'ultima novità è costituita dalla Twingo a zero emissioni, che si affianca alla popolarissima Zoe, leader incontrastata del suo segmento. E, dopo anni in cui Renault ha puntato sulle vetture a emissioni zero, la gamma del Costruttore transalpino si è arricchita anche, per la prima volta, di una serie di modelli ibridi. Offrendo una tecnologia mild hybrid su Clio e la sempre più popolare plug-in hybrid su Captur e Megane.

Top 10 Ecobonus 2020: le auto ibride ed elettriche più convenienti

Assaggi di digitale

A cambiare non sono però solo le auto, ma anche il modo in cui vengono fruite. Nello scenario attuale, caratterizzato dalle norme di distanziamento sociale, Renault ha progettato una serie di sistemi che consentono ai clienti di avvicinarsi al mondo dell'auto sostenibile in sicurezza. Primo tra tutti il Virtual Showroom, accessibile dal sito della Casa, che consente di osservare le vetture elettrificate del marchio senza bisogno di andare in concessionaria. Senza trascurare la presenza di un e-xpert, ossia un consulente disponibile 7 giorni su 7 da remoto per ripondere alle domande dei clienti.

Connessione che resta anche quando si effettua un test drive fisico, con il sistema e-xperience che monitora lo stile di guida nel percorso effettuato dando tutti dati relativi ai vantaggi dell'elettrico: quanto a lungo l'auto ha funzionato in modalità full electric, quanto si è ridotto l'impatto ambientale e qual è stato il risparmio rispetto allo stesso percorso effettuato su un'auto a benzina. Perché i grandi cambiamenti hanno bisogno anche di essere sostenibili economicamente.

Renault E-Tech Hybrid, dalla F1 alla strada

Verso la metropoli del futuro

Ma in quale città viaggeranno le auto elettrificate di domani? Renault l'ha chiesto a Francesca grassi, architetto e designer lo studio Italo Rota, e coautrice del progetto del Padiglione Italia che rappresenterà il nostro Paese all'Expo di Dubai del 2021-2022. Un esempio di architettura e tecnologia sostenibile che farà da apripista per progetti più ampi. Purché, sottolinea la designer, edifici e veicoli siano alimentati da energia pulita.

Un cambiamento già in atto che con la pandemia sarà modificato e accelerato perché, sottolinea la Grassi, “'Crisi' deriva dal greco e significa 'decisione', 'scelta'”. Insomma, l'occasione per ripensare la dimensione urbana partendo dalle nuove esigenze imposte dal Covid, e che quindi non solo tutela l'ambiente ma anche la salute. Due obiettivi che si intrecciano, come ha testimoniato il periodo di lockdown, con il traffico quasi azzerato, e la successiva ripresa delle attività, sempre più spesso fondata su mezzi di trasporto individuali ma anche sostenibili, come bici, e-bike e monopattini.

Allarme monopattini elettrici, 130 incidenti da giugno: il Governo cosa fa?