Ormai, se parliamo di multe e Coronavirus, se ne sentono di tutte i colori. La maggior parte delle persone per fortuna rispetta le restrizioni e rimane a casa, altre purtroppo non perdono l'occasione per essere biasimate.

"NON CE LA FACCIO PIù, VADO DALLA MIA RAGAZZA"

Uno degli ultimi casi, a metà tra la cronaca e la comicità, è accaduto in Toscana. Un uomo originario del senese è stato fermato dalle forze dell'ordine per i consueti controlli, e alla richiesta della autocertificazione il giovane ha risposto "Non ce la faccio più, mi manca da morire la mia fidanzata, sto andando a casa sua". Il ragazzo romantico è stato denunciato, poiché andare a ricongiungersi con la propria fidanzata non rientra tra le necessità indicate dal Governo che autorizzano i cittadini ad uscire di casa.

Coronavirus, troppi spostamenti ingiustificati: aumentano i posti di blocco

BECCATI: 1000 EURO DI MULTA

Un caso simile è avvenuto nella zona di Firenze. Due uomini di 28 e 40 anni sono stati "beccati" a bordo di un furgoncino sulla SGC Firenze-Pisa-Livorno. Motivazione: "Stiamo andando al supermercato". Niente da fare, la polizia stradale non c'è cascata e li ha sanzionati con oltre 1000 euro di multa. Non solo: uno dei due, di nazionalità albanese, è un immigrato irregolare ed è quindi stato espulso dal Paese.

Quest'ultimo è soltanto uno degli episodi avvenuti a Firenze nelle ultime 24 ore, dove le forze dell'ordine hanno effettuato ben 500 controlli, notificando sanzioni pecuniarie che vanno oltre i 3mila euro. Ne approfittiamo per ribadirvelo, ora più che mai: restate a casa.

COVID-19, il premier Conte: niente sequestri ma multe più salate dei 3mila euro per i furbetti