La Fase 2 ha comportato delle conseguenze anche per quanto riguarda le auto storiche. Il decreto legge infatti prevede la distruzione dei documenti cartacei a fronte del nuovo Documento Unico di proprietà e circolazione. Documentazioni e istanze infatti saranno d'ora in poi digitalizzate, provocando quindi una dematerializzazione di tutte le risorse cartacee.

Nel nostro listino auto usate, tante occasioni da non perdere a portata di click!

L'Automotoclub Storico Italiano non ci sta e vuole intervenire presso le sedi competenti per modificare la disposizione: la motivazione si rifà al concetto, fondamentale, di "memoria storica". La carta di circolazione e il certificato di proprietà hanno un grande significato per i veicoli di interesse storico e collezionistico. Parte della loro memoria, infatti, è conservata e tramandata proprio da questi documenti, testimoni dell'evoluzione avvenuta in oltre un secolo di pratiche burocratiche per la gestione dei veicoli.

Auto storiche stop alla circolazione, l'ASI ricorre al Presidente della Repubblica

COSA PREVEDE IL DOCUMENTO UNICO

Tramite il cosiddetto Documento Unico, dal 4 maggio è diventata obbligatoria la gestione telematica dei seguenti casi: cancellazione dei dati inerenti l’intestazione temporanea di veicoli a nome di soggetto diverso dall’intestatario (mini volture dei commercianti); sottrazione, smarrimento, distruzione (cessata circolazione e demolizione per esportazione) e deterioramento dell’originale.

La gestione di immatricolazione, nazionalizzazione, reimmatricolazione e passaggio di proprietà rimagono invece, fino al 31 maggio, rimane facoltativa. Dal 1° giugno, poi, anche con i semplici passaggi di proprietà tra privati si assisterà alla distruzione dei documenti originali cartacei. Ed è qui che ASI sta cercando di intervenire, inserendo magari delle deroghe specifiche per i veicoli di interesse storico e collezionistico.

ACI chiede controlli pubblici sulle auto storiche

"DOCUMENTO UNICO UN DANNO ENORME"

Entro il 31 ottobre 2020, il Documento Unico dovrebbe entrare definitivamente in vigore. "Prima che scattasse l’emergenza COVID-19 - spiega Alberto Scuro, presidente dell’Automotoclub Storico Italiano - era stato avviato un tavolo di lavoro con la Direzione Generale della Motorizzazione per la risoluzione di tutta una serie di problematiche legate ai veicoli di interesse storico e collezionistico, in particolare le revisioni periodiche dei veicoli ante 1960 e di quelli centenari. Ora si è aggiunta la tematica del Documento Unico con la prevista distruzione dei documenti originali cartacei: un danno enorme per i veicoli storici e per scongiurarlo abbiamo già inoltrato le nostre proposte, che sarebbero di semplice ed immediata attuazione".